Famiglia: Rosato (Iv), 'centrale sostegno a genitorialità, è priorità'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 1 lug. (Adnkronos) – “Sono diventato papà la prima volta a 24 anni, quando è nato mio figlio. Qualcuno dirà 'erano altri tempi'. E in parte è vero, nel 1993 venivamo da vent'anni di costante aumento delle retribuzioni, c'era meno precarietà e si stava avviando in tutta Europa una stagione di pace e crescita economica. Sono stato anche fortunato perché io e mia moglie avevamo già la stabilità di un lavoro fisso. Non è così per tante coppie di oggi, che a quella stessa età o anche più tardi non possono contare sulle medesime certezze che ho avuto io. Per molte di loro, mettere al mondo un figlio è diventato un rischio. Il pericolo di non riuscire a far quadrare i conti del bilancio familiare, di non riuscire ad assicurare tutti i loro bisogni”. Così il presidente di Italia Viva Ettore Rosato in un post su Facebook.

“Dopo anni in cui la politica ha spesso ignorato queste nuove forme di povertà, con il Family Act abbiamo riportato al centro del dibattito politico il tema del sostegno alle famiglie e alla genitorialità. Lasciatemi ricordare, con un po' di orgoglio, che questa proposta l'abbiamo lanciata noi con Matteo Renzi ed Elena Bonetti alla Leopolda, ed è stata sempre Elena, con la sua capacità e il lavoro quotidiano, a trasformare quelle idee in fatti concreti del governo. Ma va anche ricordato che tutte le forze politiche, maggioranza e opposizione, hanno il merito di aver saputo cogliere l'importanza della sfida e sostenerla con voti unanimi. Non succede spesso, stavolta si. Con oggi, 1 luglio, diventa realtà per milioni di mamme e papà il primo tassello di quel progetto: l'assegno unico e universale. Una novità assoluta per molte coppie finora escluse da qualsiasi aiuto, penso a tutti i professionisti o i cosiddetti incapienti, un modo per assicurare un contributo economico sicuro e fisso per evitare che la più grande gioia della vita, diventare genitori, si trasformi in una sfida tanto difficile. Torniamo ad investire sulle nuove generazioni, non è retorica ma una priorità”, conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli