Family Act, Bonetti ha illustrato i contenuti alla Leopolda

Xfi

Firenze, 19 ott. (askanews) - "Vogliamo introdurre un assegno universale per i figli, un contributo mensile dato per i figli. L'attività educativa è un'azione civica, non un fatto privato delle famiglie". Lo ha detto il ministro per le pari opportunità e la famiglia, Elena Bonetti, presentando i contenuti del "Family act" dal palco della Leopolda.

"Servono più asili nido, soprattutto nel sud del nostro Paese, ma anche centri educativi dove le famiglie si possano incontrare. E' tempo dei family bond", ha aggiunto Bonetti.

"Abbiamo un sogno grande che è quello di permettere a ciascuna donna e ciascun uomo di avere la libertà di desiderare - ha continuato il ministro -. E' accaduta una frattura grave fra avere un desiderio e trasformare questo desiderio in realizzazione di una vita. In questa frattura si è creata una frattura demografica. Facciamo per questo una scelta importante, partiamo dalle famiglie, dalla prima comunità di vita, la nostra prima esperienza del Noi. Vogliamo investire nelle famiglie con un progetto col segno più", ha concluso Bonetti.

"Le famiglie non sono degli oggetti a cui erogare dei servizi, non sono monadi. Proponiamo un'azione per costruire e riqualificare luoghi che possano essere a disposizione delle famiglie e dove esse si possano incontrare", ha concluso Bonetti.