Family Act, Elena Bonetti: "Andrà a tutte le famiglie con figli"

assegno-universale-gennaio-2021

L’assegno universale arriverà nelle case degli italiani a partire da gennaio 2021. La misura, prevista dal Family Act, ha già una data di entrata in vigore: lo annuncia il ministro Elena Bonetti, Ministro per la Famiglia, ospite di Omnibus su La7.

Un provvedimento che per la Bonetti va nell’ottica della semplificazione: “Mi auguro e sono abbastanza sicura che sarà attivo da gennaio 2021 ed entrerà tutti i mesi nelle tasche dei genitori italiani”. Anche perché a partire da lunedì 15 giugno: “Si inizia a votare in commissione, l’impegno è quello di rendere questa parte concreta per le famiglie il prima possibile, ci auguriamo già dai primi mesi del prossimo anno”.

L’assegno universale da gennaio 2021

Il Ministro della Famiglia, inoltre, ha evidenziato come assegno universale e Family Act potrebbero non andare di pari passo. Perché già entro la stagione estiva si potrebbe avere: “Un primo pezzetto dell’assegno universale, ma nel frattempo partirà la legge delega del Family Act in modo tale da avere l’approvazione in tempi celeri. Una volta approvata la legge delega, ci saranno i decreti attuativi a partire dall’autunno”.

A proposito del Family Act, che non contiene solo l’assegno universale, la Bonetti ne parla come: “Risultato importante per l’Italia perché finalmente e concretamente l’Italia si è dotata di un progettualità integrata di politiche familiari e di sostegno alle famiglie che contiene un sostegno economico fattivo attraverso un assegno universale per tutti i figli ma anche un sostegno alle spese educative delle famiglie, un incentivo importante al lavoro femminile, congedi parentali, con maggiore impegno da parte dei padri, e poi c’è un capitolo rivolto alle giovani coppie per attivare il loro percorso iniziale di vita”.

Come funziona l’assegno universale

L’assegno universale viene attribuito indistintamente in una quota base a tutti nuclei familiari con uno o più figli. Viene aggiunta, infatti, una quota variabile determinata per scaglioni dall’indicatore ISEE: nella determinazione dell’importo dell’assegno si tiene conto anche dell’età dei figli a carico.

Il Family Act introduce un assegno universale: si tratta di un versamento mensile che verrà corrisposto a partire dal settimo mese di gravidanza fino al compimento del diciottesimo anno di età di ciascun figlio.

Fa eccezione, in merito alla scadenza del requisito, la presenza di figli disabili: per loro non sussistono limiti di età. Sarà destinata una somma di denaro o mediante il riconoscimento di un credito d’imposta, da utilizzare in compensazione.