Farage contro il governo Monti, ma chi è Nigel Farage?

Nigel Farage, europarlamentare e leader di UKIP, un movimento conservatore inglese che chiede l’uscita del Regno Unito dall’Ue, ha parlato di attacco alla democrazia a proposito delle richieste europee nei confronti di Grecia e Italia. Nel corso di un intervento all’assemblea di Strasburgo, ha criticato l’annullamento del referendum ad Atene e le dimissioni di Papandreou, come frutto delle pressioni delle istituzioni europee. Le sue parole sono espressione della linea indipendentista del suo partito, che ha più volte criticato il potere europeo.

Beppe Grillo come Scilipoti? Il governo Monti è un golpe








Quindi, riferendosi al nostro Paese, ha aggiunto: “E non soddisfatti di ciò avete deciso che anche Berlusconi doveva andarsene, così è stato rimosso e sostituito da mister Monti, un ex commissario europeo, un architetto di questo eurodisastro e un uomo che non era neanche un membro del Parlamento”. Sempre secondo Farage, quanto avviene in Europa “sta diventando un racconto di Agatha Christie: stiamo cercando di capire chi sarà la prossima persona a essere eliminata”. Ma chi è Nigel Farage? E’ fuoriuscito dal Partito Conservatore nel 1992 in seguito all’ok britannico al Trattato di Maastricht. Ha quindi fondato l’UKIP, nelle cui liste è stato eletto al Parlamento Ue a partire dal 1999.

L’analisi: Berlusconi “si fa scudo” con Monti e prepara il premier del 2013


Nel settembre 2006, Farage è diventato il leader dell'UKIP (Partito per l'indipendenza del Regno Unito) e ha guidato il partito nella campagna per le Europee del 2009, in cui il partito indipendente si è posizionato al secondo posto a livello nazionale dopo i Conservatori e scalzando i Laburisti. Nel novembre 2009 Farage si è dimesso da leader del partito per sfidare John Bercow per il posto di speaker alla Camera dei Comuni. Alle elezioni del 2010 Farage non ha ottenuto però alcun seggio, ma lo scorso novembre, in seguito alle dimissioni di Malcolm Pearson, Farage è riuscito a tornare alla guida del partito.

Dalla Big Society ai matrimoni gay: l'evoluzione del premier inglese Cameron