Farmaci antitumorali, scoperto meccanismo inibizione trasporto rame -2-

Rus

Roma, 11 set. (askanews) - "Il rame, elemento indispensabile per la nostra salute, viene assunto normalmente attraverso l'alimentazione e distribuito nelle cellule tramite proteine specificamente adibite al suo trasporto", spiega Rocco Caliandro del Cnr-Ic. "Usando la diffrazione a raggi X, è stato possibile determinare la struttura atomica di due proteine che trasportano il rame nelle cellule (il metallochaperone Atox1 ed il primo dominio della ATPasi di Menkes, Mnk1) e studiarle nell'atto di interagire simultaneamente con lo ione rame e con il farmaco a base di platino". Inoltre, "le indagini cristallografiche accoppiate a quelle di risonanza magnetica nucleare", aggiunge Fabio Arnesano del Dipartimento di Chimica dell'Università di Bari, "hanno permesso di dimostrare che i farmaci antitumorali cisplatino ed ossaliplatino possono interferire con lo scambio rapido del rame tra le proteine Atox1 e Mnk1, con possibili effetti inibitori sulla proliferazione e sulla migrazione delle cellule tumorali".

La conoscenza delle condizioni che modulano l'interazione dei farmaci antitumorali a base di platino con i trasportatori di rame potrà consentire di trovare le modalità per un più efficace trattamento dei tumori utilizzando cisplatino e farmaci simili, al fine di ridurre l'insorgere di resistenza e di effetti collaterali correlati alla chemioterapia.