Farmaci: per filiera sicura nasce 'Superagenzia' italiana

Roma, 17 dic. (Adnkronos Salute) - Una sinergia interistituzionale che consentira' di seguire la vita del farmaco dalla produzione all'immissione in commercio, dalla distribuzione alla dispensazione, fino alla distruzione. Il tutto per evitare che la filiera ufficiale possa essere inquinata da principi attivi, sostanze e farmaci illegali potenzialmente pericolosi per la salute pubblica. Con questi obiettivi e' stata sancita oggi a Roma la nascita della 'Superagenzia' italiana del farmaco, grazie a un accordo firmato dal Comandante dei Carabinieri del Nas, il generale Cosimo Piccinno, e dal direttore generale dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa), Luca Pani.

L'intesa, suggellata dal ministero della Salute con la firma di Filippo Palumbo, capo dipartimento Programmazione e ordinamento del Ssn, e di Romano Marabelli, capo dipartimento Sanita' pubblica veterinaria, sicurezza alimentare e organi collegiali per la tutela della salute, formalizza le procedure tecnico-operative per migliorare la qualita' dei controlli nel settore dei medicinali a uso umano.

Il percorso che si conclude oggi ha visto nel 2003 l'istituzione dell'Aifa, nel 2004 l'introduzione della tracciabilita' dei farmaci, nel 2006 il recepimento della direttiva comunitaria sui medicinali a uso umano e nel 2008 il riordino di Carabinieri per la tutela della salute (Nas). Il protocollo prevede, tra l'altro, controlli in materia di prezzi, di dispensazione e di distruzione dei farmaci, la standardizzazione delle procedure di attuazione dei piani nazionali e comunitari 'post-marketing' di prodotti a procedura standardizzata. "E' stato finalmente raggiunto un obiettivo di straordinaria portata - commenta il ministro della Salute, Renato Balduzzi, in una nota - frutto di una visione strategica che il nostro Paese persegue ormai da un decennio e che pone l'Italia all'avanguardia".

Per approfondire visitaAdnkronos
Ricerca

Le notizie del giorno