Farmaci: pillola 5 giorni dopo, in 40% farmacie scorte gia' 'in rosso'

Roma, 14 mag. (Adnkronos Salute) - Buon successo per la pillola dei cinque giorni dopo, disponibile in Italia da poco più di un mese e già riordinata dal 40% delle farmacie che se l'erano procurata a seguito del suo arrivo sul mercato, lo scorso 2 aprile. Segnale, dunque, che molte l'hanno venduta e devono ora rifornire le scorte del prodotto. E' il dato più significativo sul nuovo farmaco ellaOne*, a base di ulipristal acetato, per la contraccezione d'emergenza, che rivela un'indagine commissionata dall'azienda produttrice, la Hra Pharma, su 600 farmacie in tutto il territorio nazionale.

"I medici - dice all'Adnkronos Salute l'amministratore delegato, Alberto Aiuto - hanno dimostrato grande interesse nei confronti del medicinale. Molti ci chiamano direttamente in azienda per chiedere quando arriverà il nostro informatore scientifico, per saperne di più. Pian piano li stiamo raggiungendo, ad aprile sono stati contattati 3.000 ginecologi, su un totale di 8.000. La domanda principale che ci fanno è perché è necessario il test di gravidanza per la prescrizione di questo prodotto?". La delibera di autorizzazione dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) prevede infatti che la ricetta sia preceduta dal riscontro di un test di gravidanza (a esito negativo) basato sul dosaggio beta Hcg, anche sulle urine. "Alcuni medici, soprattutto nei pronto soccorso - fa notare Aiuto - hanno difficoltà a eseguirlo, magari per l'assenza del tecnico di laboratorio o per la difficoltà di approvvigionarsi gli stick".

Efficace fino a 120 ore dal rapporto sessuale considerato a rischio gravidanza indesiderata, se utilizzato entro le prime 24 ore dal rapporto il medicinale è tre volte più efficace dei vecchi prodotti a base di levonorgestrel (la pillola del giorno dopo), e due volte di più nelle prime 72 ore. "In un mese circa dall'arrivo in commercio della pillola, sono state distribuite ai grossisti - spiega l'Ad - 5.000 confezioni, ma non è possibile affermare che siano state tutte vendute. La stima più significativa è che quasi la metà delle farmacie intervistate l'ha dovuta riordinare", segno che le scorte del presìdio in questione sono 'a corto', perché le pazienti l'hanno acquistata. Insomma, le donne in cerca di un sistema per la contraccezione d'emergenza sembrano apprezzare il nuovo prodotto: "Molti medici - conclude Aiuto - ci dicono che le pazienti si recano da loro chiedendo specificatamente la pillola dei cinque giorni dopo".

Per approfondire visitaAdnkronos
Ricerca

Le notizie del giorno