Farnesina: “Ikram Nazih è stata liberata". Era stata condannata per offese contro la religione

·1 minuto per la lettura
ikram (Photo: ikram)
ikram (Photo: ikram)

“Ikram Nazih è stata liberata oggi in Marocco”: lo conferma la Farnesina. La ragazza italo-marocchina era stata condannata per offese contro la religione per aver condiviso una vignetta satirica su Facebook nel 2019.

“Voglio ringraziare l’ambasciatore italiano in Marocco Armando Barucco e il sottosegretario Enzo Amendola per l’impegno che hanno dedicato alla causa”, ha affermato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, “Assieme abbiamo seguito la vicenda dal primo momento, avendo a cuore unicamente il benessere della nostra connazionale, nel pieno rispetto del lavoro delle istituzioni e della giustizia marocchine”.

La notizia era stata anticipata questa mattina da Amendola, a margine dell’udienza in appello a carico della studentessa 23enne. La giovane era stata incarcerata a giugno in Marocco. “La nostra connazionale sta bene, a lei e alla sua famiglia vanno i miei migliori auguri” aveva dichiarato il sottosegretario agli Affari europei.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli