Farnesina presenta iniziativa "Estate all'italiana fetival" -2-

Mgi

Roma, 19 giu. (askanews) - "L'Italia dei Festival - dichiara la Vice Ministra degli Esteri Marina Sereni - si rimette in moto e, grazie alla collaborazione tra il Ministero degli Esteri, con la sua rete di Ambasciate, Consolati e Istituti Italiani di Cultura, e l'Associazione ItaliaFestival, offre al pubblico internazionale l'accesso a oltre due mesi di programmazione di spettacoli di grandissima qualit, fruibili online in streaming e on demand gratuitamente in tutto il mondo.

Si tratta di un momento simbolico molto importante, che segna la ripartenza non solo delle attivit culturali all'aperto, ma il riavvio di un sistema di promozione della musica e della cultura che indispensabile per poter lasciare alle spalle la fase pi acuta dell'emergenza e fare ritorno a una quotidianit che porti con s piccole grandi gioie come assistere a uno spettacolo dal vivo". (Segue)

  • La conduttrice di Vieni da Me pronta a cambiare rete?
    Spettacolo
    notizie.it

    La conduttrice di Vieni da Me pronta a cambiare rete?

    Caterina Balivo passa a Mediaset? Ecco la risposta.

  • L'attore ha svelato i motivi della rottura con la sua compagna
    Spettacolo
    notizie.it

    L'attore ha svelato i motivi della rottura con la sua compagna

    Massimo Boldi e Irene Fornaciari si sono lasciati. Le parole dell'attore.

  • Omicidio Sacchi, il fratello: "Anastasiya si era allontanata da Luca"
    Notizie
    Adnkronos

    Omicidio Sacchi, il fratello: "Anastasiya si era allontanata da Luca"

    "Nell'ultimo periodo i miei rapporti con Luca non erano ottimi. E anche fra Luca e la fidanzata Anastasiya le cose non andavano bene, li avevo visti allontanarsi. Vedevo sempre più spesso Giovanni Princi: tra lui e Anastasiya invece i rapporti ultimamente erano sempre più buoni". Lo ha detto davanti ai giudici della Prima Corte di Assise di Roma, Federico Sacchi, fratello di Luca, il personal trainer ucciso con un colpo di pistola alla testa la notte tra Il 23 e il 24 ottobre davanti ad un pub nella zona di Colli Albani a Roma. Federico, che era presente la sera dell'omicidio, ha riferito di aver visto Princi allontanarsi dal pub, poco prima del delitto.  All'udienza di oggi, a porte chiuse, è stato ascoltato anche un amico di Luca Sacchi, Domenico Costanzo Marino Munoz, già sentito dagli inquirenti come persona informata sui fatti e presente anche lui sul luogo dell'omicidio. Il testimone ha detto di aver visto Anastasiya che veniva "colpita due volte con il bastone e quando Luca è intervenuto, Del Grosso ha fatto fuoco". Sul banco degli imputati ci sono Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, i due ventenni di San Basilio autori materiali dell'aggressione, Marcello De Propris, che consegnò l'arma del delitto, il padre di quest'ultimo, Armando, accusato della detenzione della pistola, e Anastasiya, che nel processo è anche parte civile per la rapina subita.

  • Milano, fermata banda ladri 'acrobati': tra loro c'è autore omicidio vigile
    Notizie
    Adnkronos

    Milano, fermata banda ladri 'acrobati': tra loro c'è autore omicidio vigile

    La Polizia di Stato, a conclusione di una complessa attività investigativa condotta dalla squadra mobile della Questura di Milano e coordinata dalla Procura della Repubblica, ha fermato una banda di ladri 'acrobati' di origine rom che depredavano lussuosi appartamenti del centro storico. Tra questi, anche l'uomo che il 12 gennaio 2012 travolse e uccise un'agente della polizia locale. In considerazione della loro mobilità sul territorio e per mettere fine alle loro scorribande criminali, il procuratore aggiunto L. Pedio e il sostituto procuratore F. Crupi, che hanno coordinato le indagini, hanno emesso un decreto di fermo di indiziato di delitto nei confronti di D.A., nato nel 1994, J.M, nato nel 1997, e N.R, nato nel 1994, tutte persone con numerosi alias e precedenti penali e di polizia. Tutti e tre sono ritenuti responsabili di alcuni furti consumati nel periodo di febbraio e marzo circa all'interno di lussuosi appartamenti nel centro di Milano, grazie ai quali sono riusciti a sottrarre ingenti somme di denaro, gioielli ed effetti personali, dal valore complessivo superiore a 200.000 euro. I furti avvenivano nelle ore notturne quando i rei, sfruttando l'assenza delle vittime, riuscivano a introdursi all'interno degli appartamenti forzando i vari punti di accesso, spesso arrampicandosi lungo le grondaie od attraverso i tetti. Gli indagati sono stati rintracciati presso le loro temporanee dimore, tra cui il campo nomadi di via Fogazzaro n. 9 a Corbetta (Mi). Tra i fermati spicca la figura di N.R., che il 12 gennaio 2012, quando era ancora minorenne, a Milano, piazza Emilio Alfieri, all'interno del parcheggio delle ferrovie nord, alla guida di una Bmw X5, non fermandosi all'alt, aveva travolto e ucciso un agente della polizia locale. Per questo reato, dopo essere fuggito all'estero, è stato poi arrestato e condannato a una pena definitiva di anni 9 mesi 8 di reclusione. Lo scorso febbraio, dopo aver terminato la misura alternativa a cui era sottoposto, ha immediatamente ripreso le attività predatorie, oggetto delle indagini della Squadra mobile milanese e contestate nel decreto di fermo emesso dalla Procura della Repubblica di Milano. Nel corso delle perquisizioni, è stata sequestrata la somma contante complessiva di 8mila euro e un piccolo lingotto in oro, nonché abiti e numerosi gioielli di marca (Rolex, Cartier, Bulgari, Tiffany, Gucci e Versace). A carico degli stessi sono stati sequestrati anche gli indumenti utilizzati durante i furti contestati, a riscontro dell'attività investigative svolta.

  • Quali azioni ci espongono di più al contagio da coronavirus
    Notizie
    AGI

    Quali azioni ci espongono di più al contagio da coronavirus

    La Texas Medical Association ha redatto una lista di azioni assegnando a ognuna di esse un punteggio per classificarle in base alla pericolosità di contagio da COVID-19.Partendo da quelle meno pericolose, aprire la posta è un'azione che si può compiere con la massima serenità, un punto in più in termini di gravità per il fare benzina, giocare a tennis, ordinare cibo take away o andare in campeggio.Lontane dalla zona rossa anche altre azioni che siamo abituati a svolgere nel quotidiano come fare la spesa o passeggiare e correre all'aperto. Sono considerate ancora azioni “moderatamente basse” alloggiare in hotel per due notti, sedere in sala d'attesa dal medico, andare in biblioteca o al museo, mangiare in un ristorante all'aperto o camminare in un luogo affollato.La linea si tinge di giallo quando parliamo di cenare a casa di altre persone, andare in spiaggia e fare acquisti in un centro commerciale. Lavorare in ufficio è un'attività una tacca più pericolosa, così come la scuola per i figli e nuotare in una piscina pubblica.La situazione si fa più seria quando si tratta di andare dal barbiere o dal parrucchiere, così come cenare fuori al chiuso, partecipare a matrimoni o funerali, viaggiare in aereo, praticare sport di contatto come calcio o basket e salutare con strette di mano e abbracci i propri amici.Attenzione ai massimi livelli quando andiamo in palestra, al cinema o al teatro; attenti anche ai grandi concerti, quando ricominceranno, è chiaro, allo stadio, attività ancora negata, e a cerimonie con oltre 500 partecipanti; insomma, tutte quelle attività che prevedono un assembramento eccessivo. Anche mangiare e frequentare nei bar è considerata attività particolarmente a rischio.

  • Italia blocca ingressi da 13 Paesi
    Salute
    Adnkronos

    Italia blocca ingressi da 13 Paesi

    Stop agli ingressi in Italia per chi arriva da Paesi a rischio Covid. E' quanto stabilito da un'ordinanza firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza, sentiti i ministri degli Affari Esteri, dell'Interno e dei Trasporti.  L'ordinanza dispone il "divieto di ingresso e di transito in Italia alle persone che nei quattordici giorni antecedenti hanno soggiornato o sono transitati nei seguenti Paesi: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana". Al fine di garantire un adeguato livello di protezione sanitaria, sono sospesi anche i voli diretti e indiretti da e per i Paesi sopra indicati, fa sapere il ministero di Lungotevere Ripa in una nota. "Nel mondo la pandemia è nella sua fase più acuta. Non possiamo vanificare i sacrifici fatti dagli italiani in questi mesi. È per questo - spiega Speranza - che abbiamo scelto la linea della massima prudenza". “Le misure adottate dal ministro della Salute sono molto importanti al fine di mantenere i risultati raggiunti in questi mesi ed evitare che casi importati possano generare focolai difficili da controllare”, ha affermato il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, aggiungendo: “Dobbiamo ricordarci che in molti paesi del mondo la circolazione del virus e ancora elevata”.  "Condivido al 100% l'ordinanza" sul divieto d'ingresso per chi arriva da Paesi a rischio: "Bravo Speranza. E questo vista la situazione Italia dove si registrano sempre meno ricoveri Covid-19 e chiudiamo i reparti di terapia intensiva dedicati. Abbiamo dei focolai, che però controlliamo molto bene. E' chiaro quindi che non possiamo permetterci di importare varianti di virus diversi con cariche diverse e magari più aggressive". A parlare all'Adnkronos Salute è Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova e presidente della Società italiana di terapia antinfettiva (Sita), che commenta l'ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza. "Non è una questione di rivalsa o di vendetta verso altri Paesi - aggiunge Bassetti - ma semplice tutela della salute pubblica. Mi pare un atteggiamento molto corretto da chi, in qualche modo, ha imparato 'la lezione' rispetto ad un periodo in cui queste misure non sono state prese. Ben ben vengano, quindi, se si prendono adesso, ma devono valere anche per le triangolazioni dei voli da altri Paesi verso l'Italia. Immagino occorra anche una collaborazione da parte delle altre autorità Ue ed extra Schengen. E poi - conclude - magari andrebbero previste delle sanzioni se si aggirano questi divieti".  Pregliasco: "Bene l'ordinanza di Speranza"

  • Lorenzo Amoruso: "Non mi piace che parli di eterni fidanzatini"
    Notizie
    notizie.it

    Lorenzo Amoruso: "Non mi piace che parli di eterni fidanzatini"

    Lorenzo ha visto un video con protagonista la fidanzata Manila che non ha particolarmente gradito.

  • Paris Hilton si "candida" alla Casa Bianca: i post divertenti
    Spettacolo
    Yahoo Notizie

    Paris Hilton si "candida" alla Casa Bianca: i post divertenti

    La 39enne ha pubblicato una sua foto con il cane e la Casa Bianca in rosa sullo sfondo.

  • Pensa di morire per il morso di un serpente: fugge a velocità elevatissima
    Notizie
    notizie.it

    Pensa di morire per il morso di un serpente: fugge a velocità elevatissima

    Convinto di essere stato morso da un serpente velenoso e di morire di lì a poco, un ragazzo ha viaggiato a 123 km/h in autostrada.

  • Scarpe Lidl da 13 euro a ruba: rivendute online anche a 100 euro
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Scarpe Lidl da 13 euro a ruba: rivendute online anche a 100 euro

    Il prezzo competitivo e la decisione dell'azienda di non rimettere in commercio l'articolo, ha fatto sì che ci fosse una corsa alle sneakers

  • Notizie
    Askanews

    Indonesia, arrestato francese per "abuso sessuale" su 300 minori

    Pensionato 65enne rischia anche la pena di morte

  • Donna muore in spiaggia a Gaeta, l'ipotesi dell'arresto cardiocircolatorio
    Notizie
    notizie.it

    Donna muore in spiaggia a Gaeta, l'ipotesi dell'arresto cardiocircolatorio

    Un donna statunitense di 80 anni è morta sulla spiaggia di Gaeta nella mattinata del 9 luglio. I medici ipotizzano un arresto cardiocircolatorio.

  • Se il coronavirus permane nell'aria e non solo nelle "goccioline" (l'opinione di Massimo Galli)
    Salute
    Askanews

    Se il coronavirus permane nell'aria e non solo nelle "goccioline" (l'opinione di Massimo Galli)

    Cosa ne pensa l'infettivologo, in attesa dell'Oms. Perch cambierebbe tutto

  • Salute
    AGI

    Panico in alcune città del Sudafrica per la preparazione di lunghe file di tombe

    AGI - Le autorità del Sudafrica hanno cercato di placare i timori per i decessi da coronavirus dopo che i funzionari sanitari della provincia più popolata del Paese hanno dichiarato di essere pronti a seppellire più di un milione di persone. Nei giorni scorsi gli escavatori sono entrati in azione per scavare lunghe file di tombe nei cimiteri di Gauteng, la provincia che comprende le città di Johannesburg e la capitale Pretoria, per possibili sepolture di massa.Dopo aver effettuato ispezioni nei siti di sepoltura di Pretoria, il capo della Sanità provinciale, Bandile Masuku, ha dichiarato mercoledì che Gauteng sta preparando oltre 1,5 milioni di tombe. "Tutti i nostri comuni hanno messo su capacità e acquisito più terra di cui avranno bisogno per la sepoltura", ha assicurato Masuku.Il suo annuncio ha scatenato un'ondata di ansia nella provincia, che finora ha registrato 75.015 casi di coronavirus e 478 morti, superando la provincia del Capo Occidentale come epicentro del virus in Sudafrica. A livello nazionale, finora sono stati registrati 3.602 decessi.Da allora le autorità si sono impegnate per alleviare i timori che la provincia possa vedere una simile esplosione nelle morti legate al coronavirus. "La provincia non ha più di un milione di tombe già aperte e scavate", ha dichiarato in una nota il dipartimento sanitario provinciale."La cifra di oltre un milione di tombe si riferisce alla capacità collettiva che i comuni possono raggiungere". Il dipartimento della Sanità ha dichiarato inoltre che il governo sta lavorando per migliorare e aumentare sia l'infrastruttura del sistema sanitario sia la capacità delle risorse umane per far fronte alla crescente pressione della pandemia di Covid-19.A lungo contenuto dal rigoroso blocco imposto a fine marzo ai 57 milioni di cittadini sudafricani, l'epidemia e i decessi da coronavirus hanno iniziato a salire. Più di 8.800 nuovi casi e 100 decessi sono stati registrati mercoledì. Con oltre 220 mila contagi totali e 3.600 morti, il Sudafrica è il Paese più colpito del continente.

  • 'Rai1 gay', 'ipocrita': scintille Adinolfi-Diaco
    Spettacolo
    Adnkronos

    'Rai1 gay', 'ipocrita': scintille Adinolfi-Diaco

    "Ho attaccato Pierluigi sul tema omosessualizzazione di Rai1: pensa che colpo (e che ascolti) per un dialogo tra me e lui a 'Io e te'. La scusa potrebbe essere l'uscita il 1 luglio del mio ultimo libro 'Il grido dei penultimi'. Non ho intenzione di essere aggressivo. Pensaci, sarebbe puntata storica e se avete fatto mezz'ora con Luxuria, si può fare mezz'ora anche con chi ha idee alternative a Luxuria". E' lo screenshot del messaggio inviato da Mario Adinolfi al coautore di 'Io e te', il programma di Rai1 condotto da Pierluigi Diaco che proprio Diaco ha deciso di pubblicare su Twitter per smascherare "l'ipocrisia" del leader del Popolo della Famiglia Adinolfi. Una decisione, quella del conduttore di 'Io e te', arrivata dopo le dichiarazioni pubbliche fatte in questi giorni da Adinolfi sulla omosessualizzazione di Rai1, resa evidente, a suo parere, dalla decisione della rete di togliere Lorella Cuccarini da La Vita in diretta e dalla scelta di conduttori omosessuali nel palinsesto della rete ammiraglia tra cui appunto Diaco di cui il leader del Popolo della Famiglia fa il nome assieme a quello di altri. "Ecco l’ipocrisia con la I maiuscola. Mario Adinolfi scrive al coautore di 'Io e te' Maurizio Gianotti per auto invitarsi in trasmissione a promuovere il suo libro. Dopo aver scritto peste e corna su di me. Faccia da...", scrive Pierluigi Diaco per spiegare lo screenshot.  Un tweet a cui Diaco aggiunge una ulteriore spiegazione poco dopo: "Per amore di verità. Il mio autore mi ha girato come sempre i messaggi in cui molti si auto invitano, detrattori e non. Tra questi c’era anche quello di Mario Adinolfi. Ho risposto al mio autore 'no, grazie'. Poi ho avuto un’idea: dimostrare il tasso di ipocrisia imperante". Immediato il commento di Luxuria su twitter: "La conferma che certe persone usano l’omofobia in maniera strumentale e opportunista per i propri comodi e interessi". Non manca a stretto giro la replica di Adinolfi: "Per la precisione, dopo aver visto i 35 minuti garantiti da Diaco a lei onorevole e i 20 assicurati a la Vita in Diretta per la propaganda al ddl Zan, la chiamerei verifica dell’esistenza di una lobby che domina Rai1. Violenta, che si copre l’uno con l’altro. Omofobia non ne vedo". "Le consiglierei dopo questa figuraccia di osservare una giornata di silenzio", gli ribatte Luxuria. Un suggerimento che infastidisce Adinolfi: "Guardate, il tentativo di silenziamento nei miei confronti lo tentate da tempo e in mille modi. Adesso vi siete ridotti a montare la panna utilizzando lo screenshot di un messaggio privato ad un autore Rai mio amico. State solo dimostrando di quali bassezze violente siete capaci". Chiude il cerchio il cinguettio sarcastico di Luxuria: "Quello che mi diverte è l’ego smisurato di chi pensa di alzare gli ascolti con la sua presenza: presuntuoso e ridicolo".

  • Politica
    AGI

    Un parcheggio inguaia la sindaca di Erice, meta di scienziati e intrighi

    AGI - Un parcheggio rischia di costare la carica al sindaco di Erice, Daniela Toscano Pecorella, sospesa dal prefetto dopo che gli era stato notificato il divieto di dimora nei Comune di Erice e Trapani per calunnia e abuso d'ufficio, quest'ultimo reato commesso in concorso con il fratello Massimo, consigliere comunale di Trapani, destinatario della stessa misura cautelare. Al marito del sindaco, Francesco Paolo Rallo, è stata invece notificata la misura del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa.Secondo l'accusa il primo cittadino, in concorso con il fratello e nell'interesse economico di quest'ultimo, abusando della sua funzione, ha esercitato pressioni sugli uffici comunali allo scopo di fare rilasciare le autorizzazioni per l'apertura di un parcheggio, sul lungomare ericino, gestito da una società della quale Massimo Toscano Pecorella è socio occulto.La sospensione della sindaca di Erice è soltanto l'ultimo tassello di un intrigo politico giudiziario scaturito dalle ultime elezioni amministrative del 2017. Un comune spezzato in due, con la sede centrale in vetta e quelle distaccate che arrivano fino al lungomare e le preferenze elettorali sparse un po ovunque. Ad unire i due pezzettini di Erice c'è una funivia, da cui si ammira l'intera città di Trapani, quasi ad accennare la strana idea - in passato piu volte riproposta - di costituire una 'Grande città'. Il borgo è noto per le nobili radici storiche, oltre che per le bontà culinarie come le genovesi ripiene di crema pasticciera e per una settimana all'anno Erice è la meta principale di scienziati provenienti da tutto il mondo, nel centro Ettore Majorana diretto dal professore Antonino Zichichi. In estate è la meta principale per chi è alla ricerca di temperature meno calde, ma nei mesi invernali resta per lo più avvolto dalla nebbia.Una metafora spesso utilizzata a proposito delle informazioni, spifferate nei bar e talvolta finiti sui giornali locali, riguardo una serie di indagini sulla gestione del Comune. La sindaca era stata in giunta nelle due precedenti legislature, quando il sindaco era Giacomo Tranchida, adesso primo cittadino del comune di Trapani. Della vicenda del parcheggio se ne è parlato a lungo sulla stampa locale, tanto che nel febbraio 2019 Tranchida e Toscano tennero una conferenza stampa, in cui, respingevano le accuse e tracciavano l'identikit di chi aveva denunciato i fatti. Tranchida, dopo, fu indagato per diffamazione.Poche settimane prima i carabinieri avevano arrestato per corruzione il vicesindaco Angelo Catalano, che poi patteggiò una condanna a un anno e undici mesi. Ed è sempre dello scorso anno il blitz antimafia Scrigno dei pm della Dda di Palermo e i carabinieri che arrestarono 25 persone, tra cui i boss Francesco e Pietro Virga, Franco Orlando e l'ex deputato regionale del Pd, Paolo Ruggirello, accusato di associazione mafiosa. L'indagine riguardava anche l'ultima campagna elettorale di Erice e nel processo in corso al Tribunale di Trapani oltre a Ruggirello sono imputati un consigliere comunale, Alessandro Manuguerra, e Vito Mannina, padre di Simona, un'altra candidata poi eletta. Un altro filone del processo è in corso davanti al gup di Palermo.Ma nello stesso periodo in cui i magistrati Antimafia e i carabinieri di Trapani indagavano su questi fatti, i colleghi trapanesi con la Squadra Mobile di Trapani facevano altrettanto con un gruppo di criminali locali, che conducevano estorsioni e coordinavano furti, rapine e spedizioni punitive. Mettendosi a disposizione in occasione delle campagne elettorali, gestendo pacchetti di voti da offrire a questo o quel candidato. L'indagine venne praticamente interrotta dagli arresti del blitz Scrigno (5 marzo 2019): i verbali nei mesi scorsi sono stati depositati nel processo in corso a Trapani e diffusi dalla stampa locale. Agli atti anche un'intercettazione tra la sindaca Daniela Toscano e un pluripregiudicato locale, tale Diego Pipitone, che per anni è stato indagato anche dalla Dda di Palermo."La cosa anomala il procuratore aggiunto di Trapani, Maurizio Agnello è che emerge una gestione familistica: la sindaca, il fratello investitore occulto e il marito accusato delle minacce", continua Agnello, riguardo a Massimo Toscano, controllore occulto della società, e al marito Francesco Paolo Rallo, accusato di avere minacciato un altro imprenditore escluso dall'affare del parcheggio. "Il fatto piu grave è il traffico d'influenze illecite, ma per il quale non abbiamo potuto chiedere la misura cautelare, concessa invece per i reati di abuso d'ufficio e calunnia", aggiunge Agnello. "Alle critiche qui si risponde con la querela o con le interviste sui giornali 'amici', quasi mai le tematiche vengono discusse in Consiglio comunale o in giunta. Qui c'è un numero abnorme di querele per diffamazione e calunnia. Tutti gli abitanti della provincia di Trapani - chiosa Agnello - dovrebbero farsi qualche domanda. E' un dato di fatto che qui si perde molto piu tempo a litigare che non ad amministrare. Che la stampa locale sia schieratissima non debbo essere io a dirlo, non mi risulta che negli altri territori sia così".Anche l'indagine odierna è scaturita da una denuncia per calunnia, presentata in procura dalla prima cittadina, in seguito a un'intervista rilasciata da un oppositore ad una testata locale, in cui sollevava dei dubbi sul parcheggio. Il sindaco "sapeva benissimo" che questo 'oppositore politico' "aveva ragione, ma nonostante ciò lo ha incolpato e per questo è indagata per calunnia". In totale sono sette gli indagati, tra cui l'allora capo della polizia municipale Giacomo Catania, oltre che l'imprenditore Giovanni Savi, imprenditore e socio occulto del fratello del sindaco, che invece ottenne l'affidamento del parcheggio.Aggiunge il magistrato: "Abbiamo accertato la permeabilità degli uffici alle sollecitazioni del sindaco, non soltanto erano molto sensibili a queste pressioni, ma dopo essere stati ascoltati dalle forze dell'ordine e dai magistrati, invece di pensare ai loro interessi personali ed evitare un'incriminazione, hanno continuato a cercare di proteggere il sindaco da quello che aveva fatto. Qualcuno ha rifiutato le sollecitazioni pressanti della sindaca, il quale anziché glissare ha sempre detto 'figuratevi se io posso occuparmi di parcheggi'. Gli altri invece erano fedeli ai desiderata della Toscano".Quanto alle elezioni amministrative del 2017, poi vinte da Daniela Toscano, "ci siamo interessati sia noi sia i colleghi della Dda (processo Scrigno), ognuno - conclude l'aggiunto Agnello - lo valuti come meglio crede, ma questo vuol dire che le ultime elezioni hanno visto il coinvolgimento, vedremo fino a che punto lecito, sia di soggetti indiziati di mafia sia di elementi della criminalità comune. Molta gente si è spesa parecchio per quella tornata elettorale".

  • Insulta la moglie e la colpisce con un piatto, arrestato
    Notizie
    Adnkronos

    Insulta la moglie e la colpisce con un piatto, arrestato

    Durante una lite con la moglie non l'ha solo insultata e minacciata ma l'ha anche colpita con un piatto. E' accaduto a Ostuni, in provincia di Brindisi, dove agenti del Commissariato hanno arrestato in flagranza di reato per maltrattamenti in famiglia nei confronti della moglie. Il 78enne è stato posto agli arresti domiciliari nella sua abitazione. Già a giugno i poliziotti erano intervenuti nella abitazione della coppia a seguito di una lite scaturita per vicende legate alla proprietà e ai diritti sull’immobile di residenza. All'esito delle indagini l'uomo venne deferito per il reato di maltrattamenti in famiglia ai danni della donna. Quest'ultima riferì agli investigatori di una serie di maltrattamenti che si protraevano da alcuni anni: offese, aggressioni fisiche e minacce.  La sera del 29 giugno i poliziotti intervennero nuovamente nella loro casa per ulteriori tensioni. Poi, l'epilogo, nella tarda serata del 7 luglio, quando dopo una segnalazione su una donna che chiedeva aiuto, gli agenti sono riusciti a rintracciare e raggiungere la vittima in una via del centro di Ostuni. Quest’ultima ha riferito di essere stata appena insultata, minacciata e colpita con un piatto dal marito e inseguita a piedi per le vie cittadine. La donna, dopo essere stata curata dai sanitari del Pronto Soccorso di Ostuni, ha denunciato il marito raccontando ulteriori episodi di violenza di cui era stata vittima nel tempo.

  • Valeria: "Tra le tue braccia sto bene"
    Notizie
    notizie.it

    Valeria: "Tra le tue braccia sto bene"

    Nella seconda puntata di Temptation Island si vede Valeria sempre più vicina al tentatore Alessandro. Ecco la reazione di Ciavy

  • Fase 3, tornano le vecchie abitudini ai bar
    Sport
    notizie.it

    Fase 3, tornano le vecchie abitudini ai bar

    Tornano finalmente le carte da gioco sui tavolini dei bar, i quotidiani e riviste dai parrucchieri e centri estetici.

  • Belen smentisce il tradimento del marito con Alessia
    Spettacolo
    notizie.it

    Belen smentisce il tradimento del marito con Alessia

    Con una recente Storia su Instagram, Belen Rodriguez ha difeso la collega Alessia Marcuzzi dalle accuse di tradimento con il marito Stefano

  • Renzi: "Basta populismo, cacciare Benetton è impossibile"
    Politica
    Adnkronos

    Renzi: "Basta populismo, cacciare Benetton è impossibile"

    "Sono entusiasta che ci abbiano dato ragione sullo sblocco dei cantieri dopo averci insultato per mesi, ma ora i risultati si devono vedere. Lo stesso vale per Autostrade: è il momento di passare dalle chiacchiere ai fatti. Dopo due anni non si può continuare ad urlare 'revocheremo' o 'cacceremo i Benetton'. Perché è molto semplice, ma impossibile da farsi: basta col populismo degli annunci". Lo dice Matteo Renzi a La Stampa.  "Tutti sapevano che la gestione sarebbe andata ad Autostrade: era già previsto all'inizio del percorso. Ma ora basta con la politica dei rinvii. Non puoi dire 'revoco', lasciando aperta così a lungo la questione. In un senso o nell'altro le decisioni vanno assunte. Perché altrimenti rischiamo una doppia beffa: il ponte è ricostruito e il dossier resta aperto. E l'eventuale revoca si trasforma in un regalo per la proprietà". Renzi, lei è diventato il miglior alleato di Conte per paura delle elezioni anticipate? "Siamo alle solite esagerazioni. Non siamo alleati supini del premier, né abbiamo paura delle urne. Il 21 settembre, con le elezioni regionali, molti se ne renderanno conto. Nelle vittorie del centrosinistra, Italia Viva sarà determinante. Faccio un ragionamento sul Paese: se andassimo a elezioni prima della scadenza del Quirinale, faremmo un gigantesco autogol e un regalo ai sovranisti. Dobbiamo eleggere un presidente della Repubblica europeista e anti-sovranista". Si parla tanto di riforma elettorale ma tanto finirà sul binario morto ad agosto? "Trovo allucinante che si insista a parlare di legge elettorale in questo momento".

  • Notizie
    Askanews

    Torino, trasportavano in taxi valigia con 50 Kg hashish arrestati

    Due uomini e una donna sono stati fermati durante un controllo

  • Andrea: "La cosa che mi dispiace è che fa parlare male lui di me"
    Notizie
    notizie.it

    Andrea: "La cosa che mi dispiace è che fa parlare male lui di me"

    Nel corso della seconda puntata di Temptation Island Andrea confessa di non volere, per il momento, un figlio