**Fascismo: commemorazione con saluti romani a Dongo e Giulino, Anpi 'offesa agli italiani'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 2 mag. (Adnkronos) – Attimi di tensione questa mattina, in occasione di una serie di eventi organizzati, come ogni anno, per omaggiare i gerarchi fascisti fucilati sul lungolago di Dongo e Benito Mussolini, ucciso insieme a e Claretta Petacci di fronte ai cancelli di Villa Belmonte, a Giulino di Mezzegra, nel comasco.

Una cinquantina di manifestanti si è data appuntamento intorno alle 8.30 in piazza Paracchini a Dongo per la commemorazione fascista e, contemporaneamente, circa duecento tra esponenti di Anpi, Cgil e gruppi antifascisti è intervenuto rispondendo con slogan, canti e battimani durante il rito della chiamata al 'presente'. A vigilare su tutto la polizia, con agenti in assetto anti sommossa, che hanno disposto barriere e camionette per tenere separati i due schieramenti.

"Il fatto che venga permessa una manifestazione del genere è una offesa agli italiani", dice all'Adnkronos Guglielmo Invernizzi, presidente dell'Anpi provinciale di Como. La manifestazione, spiega, viene autorizzata da questura e prefettura: "Da tempo abbiamo sollevato il problema -spiega- ma anche quest'anno, in questo senso, non si è cavato un ragno dal buco".