**Fascismo: commemorazione con saluti romani a Dongo e Giulino, Anpi 'offesa agli italiani'** (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Proprio l'altroieri -avverte- abbiamo incontrato il prefetto, ma le risposte sono state che non è possibile proibire a priori una manifestazione per rispetto alla libertà di espressione, costituzionalmente garantita, e certamente non è possibile sapere se verranno commessi dei reati". Il fatto, poi, è che "la forze dell'ordine possono presentare rapporto di denuncia per i fatti che violano la legge Mancino sull'apologia di fascismo, ma se la magistratura non le porta avanti, la prefettura non può fare nulla".

"Secondo loro, quindi, così come danno il permesso a noi di manifestare, anche loro hanno il diritto a ricevere lo stesso trattamento". Ma "la Costituzione dice che il partito fascista non può essere costituito sotto nessuna forma". E, soprattutto, "non può esserci una contrapposizione sullo stesso piano delle ragioni degli antifascisti e di quelle dei fascisti. Non possiamo accettare che ci considerino tali a quali a loro, sarebbe un'offesa all'Italia che ha fatto la resistenza e ha pagato con la vita la difesa di uno Stato libero".