Fascismo: Fratoianni, 'Durigon se ne deve andare da governo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 26 ago. (Adnkronos) – "Durigon se ne deve andare. Credo di essere stato il primo o fra i primi a maggio a porre la questione già all’epoca dell’inchiesta di Fanpage sui suoi rapporti imbarazzanti a Latina. Penso che quando qualcuno ha un ruolo di governo la sorveglianza e la cura delle parole sia un dovere, oltre all’attenzione per le cose che si fanno e le persone che si frequentano. Non si può rappresentare il Paese in questo modo". Così il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni a Omnibus.

“Già allora l’esponente leghista avrebbe dovuto chiarire e non l’ha fatto – prosegue il leader di SI – poi ad agosto ci ha messo il carico ulteriore, un carico culturale e politico simbolico: non ha solo proposto di intitolare un parco al fratello di Mussolini, ma ha proposto di cancellare l’intitolazione a Falcone e Borsellino. Io penso che uno che dice e fa così non può stare al governo del Paese. Io voglio che il mio governo, cioè il governo che mi rappresenta e rappresenta gli italiani sia composto da persone che abbiano rispetto per la storia di questo Paese, per le sue Istituzioni, per le sue leggi, per le sue regole”.

“Durigon non ha rispettato tutto ciò e ha oltrepassato – conclude Fratoianni – tutte le possibili linee che non debbono essere superate. Se non se ne andrà spontaneamente dovrà pensarci il Parlamento con una mozione di sfiducia”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli