Fase 3, Bernini (Fi): riforma fisco-giustizia per Italia attrattiva

Pol/Vlm

Roma, 22 giu. (askanews) - "La conditio sine qua non per far rialzare l'Italia la sospensione di tutte le scadenze fiscali. Oltre 23 milioni di italiani hanno pagato l'Imu per immobili spesso inutilizzati o sfitti, mentre altri 40 miliardi da qui a fine giugno saranno chiesti per tasse o imposte come Iva, Tari, Irpef e addizionali regionali o comunali varie. Questa la prima iniziativa che deve prendere il governo subito per pensare al presente e poi realizzare una grande riforma fiscale per pensare al domani". Lo ha detto il presidente dei senatori di Forza Italia, Anna Maria Bernini, intervenendo nel corso della video conferenza stampa organizzata dal partito per illustrare il programma di Forza Italia per la ripresa.

"Da parte nostra arrivano solo proposte concrete che stiamo gi traducendo in emendamenti al decreto Rilancio. Serve poi sburocratizzare il Paese: stiamo ancora spettando il decreto semplificazioni che Conte ci aveva promesso un mese fa. Purtroppo nulla si realizza e per questo ci pensiamo noi. Siamo convinti che per far riprendere il lavoro e i lavori, piccoli o grandi, e garantire milioni di posti di lavoro e una vera ripartenza serve poi lo sblocca-cantieri e puntare su asset strategici, che hanno reso grande l'Italia, come il rilancio dell'industria dell'acciaio e dell'automotive, che ha enormi potenzialit. E infine, ultima ma non meno importante, una seria riforma della giustizia civile e penale per rendere anche pi attrattivo il Paese rispetto agli investitori stranieri", ha concludo Bernini.