Fase 3, FI giovani: da sindaco Palermo colpo alla movida

Red/Gca

Palermo, 12 giu. (askanews) - In Sicilia Forza Italia contesta il provvedimento del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando che "penalizza i ristoratori della movida e non solo. Si tratta dell'ennesimo provvedimento estemporaneo, frettoloso e poco meditato che da un altro duro colpo, dopo il lockdown, agli esercenti che operano nella cosiddetta Movida". Lo scrivono in una nota il segretario regionale e cittadino dei giovani di Forza Italia, Andrea Mineo e Giovanni Tarantino.

"Che il provvedimento firmato dal sindaco - proseguono - sia stato frettoloso lo dimostra il fatto che lo stesso Orlando ha bloccato l'operativit perch ci sono alcuni punti poco chiari. Stigmatizziamo un provvedimento che colpisce e danneggia gli esercenti, pizzerie, ristoranti, paninerie e quant'altro, su tutto il territorio comunale, e non solo nella movida, e ne chiediamo la immediata revoca. Un'ordinanza che di fatto danneggia le tasche di ristoratori, e quindi dei loro impiegati, e dei cittadini non un provvedimento che deve vedere la luce soprattutto dopo tre mesi di chiusura totale dei locali causa Covid".

"La scusa di evitare assembramenti risibile. In questo momento, invece, bisognerebbe aiutare le attivit economiche a riprendersi non penalizzandole ulteriormente e, anzi, scaricandole dagli oneri fiscali. Per questo motivo - concludono i due esponenti azzurri - da amministratori e da giovani siamo contrari a questo provvedimento non escludendo di adottare forme di protesta pacifica ma decisa a favore dei cittadini e degli esercenti".