Fase 3, Fracci-Menegatti: "Ben vengano regole per danza, ma servono competenze e sensibilità"

webinfo@adnkronos.com

“Ben vengano le regole, in tempo di coronavirus, anche per la danza. Ma leggendo le ‘linee guida’ del Governo sembrano scritte da persone che ignorano completamente questo mondo. Servono sensibilità e competenze fortissime. La danza non è solo uso quotidiano del corpo. Va al di là. E’ un moto dell’anima. Complicatissimo confinarlo all’interno di rigorosi precetti”. Così all’Adnkronos Carla Fracci signora della danza italiana e il marito e regista Beppe Menegatti commentando le linee guida emanate della Conferenza Stato-Regioni per la riapertura delle Attività Economiche, Produttive e Ricreative.  

E spiegano ancora: “Forse sarebbe servito semplicemente chiedere consigli, suggerimenti a coloro che in questo settore vivono e lavorano. Non nascondiamolo la situazione è complicata, difficile, a volte sembra senza via d’uscita. Ma non possiamo continuare a paragonare i danzatori agli atleti, le classi quotidiane agli allenamenti. Dobbiamo, però, difenderci dal virus, magari come hanno già fatto in molti. Misurando la temperatura agli allievi prima di entrare a lezione, igienizzando i locali, se necessario fornendo certificati medici”. 

E conclude il maestro Menegatti: “In tempo di quarantena ho letto, studiato, preparato un nuovo debutto a teatro. Dedicato a Bianca Ronzani, ballerina di origine magiara, bellissima, l’ultima amante del conte Cavour. ‘Affetti stabilissimi’ della danza e della politica. Loro avrebbero potuto, oggi, danzare insieme”.