Fase 3: giovedì a Milano presidio artigiani, ancora senza ammortizzatori

·1 minuto per la lettura
Fase 3: giovedì a Milano presidio artigiani, ancora senza ammortizzatori
Fase 3: giovedì a Milano presidio artigiani, ancora senza ammortizzatori

Milano, 21 lug. (Adnkronos) – In Lombardia ci sono ancora 138mila artigiani senza ammortizzatori sociali pagati per il mese di aprile, maggio e giugno. Lo denunciano Cgil, Cisl e Uil della Lombardia, che si mobilitano per chiedere "meccanismi di funzionamento più rapidi al fine di rispondere celermente ai ritardi nei pagamenti per risolvere una situazione che sta diventando insostenibile per le persone, private da mesi di un reddito necessario per la dignità del vivere". Per questo, giovedì a partire dalle 10 si terrà un presidio sotto la prefettura di corso Monforte, a Milano.

"Apprendiamo che è stato emanato dalla ministra Catalfo – sottolineano le sigle – il decreto del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali di concerto con il mef con cui vengono trasferiti al Fondo di solidarietà bilaterale alternativo dell'artigianato, così come previsto dai provvedimenti varati dal Governo per fronteggiare l'emergenza covid, oltre 516 milioni euro. Aspettiamo di avere conferma di quanto deliberato considerando che tutto questo ritardo ha colpito duramente il settore dell’artigianato lombardo, che ha dimensioni e caratteristiche fondamentali per tutta l’economia nazionale e che conta 220mila addetti dei quali 138mila attualmente sospesi dal lavoro con accordi siglati in circa 40mila imprese del territorio".