Fase 3, de Magistris: le guerre personali le lasciamo ad altri

Psc

Napoli, 9 giu. (askanews) - "C' qualcuno che si ostina a non voler vedere, qualcuno che si gira dall'altra parte. Attraversando la citt ho visto negli occhi la sofferenza, ho incrociato occhi pieni di lacrime e avvertito tanta voglia di vita, di riprendere una propria dignit, di ripartire davvero. iniziata una fase nuova e chi continua ad arroccarsi su alcune posizioni nascondendosi dietro ad un'apparente tutela collettiva, un giorno non molto lontano dovr rispondere davanti alla storia. Le guerre personali le lasciamo ad altri, noi continuiamo per la nostra strada". Cos, in un post su Facebook, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. "I licenziamenti, la povert, il contagio criminale sono una realt, non rappresentano n un timore e n una percezione personale. Entrare nel merito di un'ordinanza comunale sulla possibilit o meno di entrare nei parchi con un panino o una bici, o mettere in discussione la concessione a titolo gratuito di luoghi attrezzati per la somministrazione, non sono atti di superficialit, ma - scrive ancora l'ex pm - una risposta concreta per aiutare un settore in agonia, in fase terminale, un modo per riavviare un'economia circolare che per la nostra citt vitale! Non solo, sono anche modalit con cui si tutela ancora meglio la salute perch si scoraggia la concentrazione di persone sempre negli stessi luoghi. Io spero fortemente che non se ne accorgano troppo tardi, ed oggi gi tardi", ha concluso.