Fase 3, Milano: a Lambrate nuovo hub contro lo spreco alimentare

Lzp

Milano, 10 giu. (askanews) - E' stato firmato oggi l'accordo per la nascita di un nuovo hub di quartiere contro lo spreco alimentare, che sar aperto entro la fine dell'anno in via Bassini 26, a Lambrate. "Lo avevamo preannunciato a gennaio, con i dati del primo anno dell'hub di via Borsieri - commenta la vicesindaco di Milano con delega alla Food Policy Anna Scavuzzo -, e oggi sigliamo la partenza di questo progetto che il lockdown dei mesi scorsi ha solo rallentato. Eravamo impegnati sull'emergenza, come era giusto che fosse, ma non abbiamo dimenticato le iniziative strutturali che stiamo ora riavviando e che si accompagnano al percorso di ripresa che vede rafforzate le sinergie con gli enti nostri partner".

Dopo gli ottimi risultati dell'hub di via Borsieri (Municipio 9), che in un anno ha permesso di recuperare 77 tonnellate di cibo (154.000 pasti equivalenti) e coinvolgere 21 organizzazioni non profit, 11 supermercati e 5 mense aziendali, dunque pronto a decollare il nuovo centro nel Municipio 3, grazie alla collaborazione tra Comune di Milano, Banca di Credito Cooperativo di Milano, AVIS Comunale Milano e l'Associazione Banco Alimentare della Lombardia "Danilo Fossati" Onlus.

L'accordo prevede che Avis Comunale Milano dia in concessione d'uso gratuito uno spazio di sua propriet con una superficie di 70 metri quadrati in via Bassini, Banca di Credito Cooperativo di Milano un'erogazione liberale di 60.000 euro per l'allestimento dell'hub e per la gestione delle attivit e che Banco Alimentare della Lombardia si occupi del coordinamento e della gestione operativa tramite personale volontario e dipendente nel rispetto delle norme igienico sanitarie in vigore.

Comune di Milano, Politecnico di Milano, Assolombarda e Programma QuB - La ricetta contro la povert infantile saranno impegnati nelle attivit di governance dei processi, nelle azioni di monitoraggio e nella promozione tra i diversi attori coinvolti nel progetto (supermercati, mense aziendali, associazioni, beneficiari). La collaborazione avr durata di 4 anni, fino dunque al giugno del 2024.