Fase 3, Molinari (Lega): nessun dialogo con il governo, elezioni subito

Pol/Gal

Roma, 3 giu. (askanews) - "Noi l'appello al dialogo l'abbiamo fatto per primi tre o quattro mesi fa prima che esplodesse l'emergenza Covid-19 quando Matteo Salvini confermò al Presidente Mattarella la piena disponibilità a collaborare con la maggioranza". Il capogruppo della Lega alla Camera, Riccardo Molinari, intervistato da Affaritaliani.it, risponde all'invito al confronto e al dialogo arrivato dal premier Giuseppe Conte e da diversi esponenti della maggioranza.

"Noi come Lega e come Centrodestra - sottolinea il presidente dei deputati del Carroccio - abbiamo mantenuto un atteggiamento costruttivo su tutti i provvedimenti. Abbiamo votato il primo decreto Covid, i due scostamenti di bilancio e sul Decreto Cura Italia abbiamo presentato emendamenti mirati su indicazione del governo proprio per non arrivare allo scontro. Tutte proposte costruttive che non sono state accolte".

"Dopo che sulla parte economica delle misure non siamo stati coinvolti, pensare che a settembre dovremo assumerci la responsabilità per quello che hanno combinato questi signori mi pare molto complicato. Se come temiamo - spiega il capogruppo leghista a Montecitorio - le cose si metteranno male, l'unica soluzione è quella di andare alle elezioni rapidamente per dare al Paese un governo forte e coeso per i prossimi cinque anni".