Fauci: "Gli americani si preparino ad un'ondata dopo l'altra. Il Natale? Dovremo accettare restrizioni"

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·1 minuto per la lettura
(Photo: The Washington Post via Getty Images)
(Photo: The Washington Post via Getty Images)

Gli americani devono prepararsi ad affrontare “un’ondata dopo l’altra” di Covid-19, dopo che a milioni si sono spostati e poi hanno fatto ritorno a casa per la festività della Festa del Ringraziamento: a dichiararlo il principale consigliere medico del governo Usa, Anthony Fauci. “Quasi certamente ci sarà un incremento per la gente che si è messa in viaggio”, ha detto Fauci alla Cnn.

“Potremmo aspettarci un’ondata dopo un’altra ondata” in due o tre settimane, ha detto il virologo. “Non vogliamo spaventare la gente, ma questa è la realtà”, ha aggiunto.

Alla Cnbc Anthony Fauci, parlando delle prossime festività natalizie, ha aggiunto: “Dovremo prendere decisioni come nazione, stato, città e famiglia: siamo in un momento molto difficile e dovremo accettare restrizioni rispetto alle cose che vorremmo fare, in particolare in questa stagione delle vacanze”.

“Stiamo entrando in quella che è davvero una situazione precaria, siamo nel mezzo di un ripido pendio”, ha aggiunto Fauci segnalando di aver ricevuto, a livello locale, segnalazioni di situazioni che potrebbero richiedere nuovi mini-lockdown: “Sto parlando di persone che iniziano a vedere stress significativi sul sistema ospedaliero e sanitario”.

Il virologo ha però parlando anche di spiragli, facendo riferimento ai vaccini e spiegando che “quasi certamente” si inizierà “prima della fine di dicembre” e “tra gennaio, febbraio e marzo sempre più persone verranno vaccinate”. Secondo l’esperto, gli americani dovrebbero avere fiducia nella campagna vaccinale: “Il motivo per cui dovremmo sentirci più fiduciosi al riguardo è che abbiamo una lunga, lunga storia nella distribuzione dei vaccini”, ha detto, spiegando poi a “Meet the Press”, che, anche se questa volta si...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.