Fauci: "I vaccini Usa in eccedenza andranno ai Paesi poveri"

·1 minuto per la lettura

AGI - Le eccedenze dei vaccini in Usa, una volta che sarà vaccinata l'intera popolazione statunitense, andranno ai Paesi che non hanno i soldi per comprarli: lo ha detto il supervirologo statunitense, Anthony Fauci, intervistato da Lucia Annunziata per Mezz'Ora in Più su Rai tre.


"Al momento noi non disponiamo di vaccini in eccedenza, perché dobbiamo completare la vaccinazione della nostra popolazione. Ma quando ne avremo penseremo ai Paesi a basso e medio reddito", ha detto il direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, rispondendo a una domanda proprio sulla possibilità di fornire vaccini all'Europa, in piena crisi pandemica, in virtù della relazione transatlantica. 

 "Non appena avremo vaccinato la nostra popolazione, prenderemo in seria considerazione i Paesi che ne hanno bisogno. Ma molti dei Paesi europei hanno risorse sufficienti. E per queste donazioni, faremo riferimento ai Paesi a basso e medio reddito", ha continuato Fauci. 

In  Usa 3/4 milioni di dosi al giorno di vaccino 

Il programma vaccinale in Usa "sta andando molto bene: 60 milioni di persone sono state vaccinate completamente, oltre 100 milioni parzialmente" e si somministrano dosi "al ritmo di tre/ quattro milioni al giorno".