Faurecia acquisisce il 60% della tedesca Hella

·1 minuto per la lettura

Faurecia (gruppo Stellantis) ha acquistato per circa 4 miliardi di euro oltre il 60% del capitale della tedesca Hella. Con questa operazione, realizzata dopo il ritiro dalle trattative della tedesca Knorr-Bremse, Faurecia sale al settimo posto nella classifica dei principali fornitori mondiali di sistemi per l'automotive. Il Gruppo francese ha acquisito le azioni della famiglia Hueck, gli eredi dell'imprenditore che rilevò Hella nel 1923, mentre gli altri azionisti potranno sfruttare un'offerta pubblica di acquisto (OPA) che verrà lanciata in seguito. Hella, quotata alla Borse di Francoforte e Lussemburgo, è valutata poco meno di 7 miliardi di euro.

L'acquisizione darà vita ad un colosso della componentistica auto con un fatturato annuo di 23 miliardi di euro che, secondo Faurecia, supererà i 33 mld nel 2025 e potrà contare 150.000 dipendenti. «L'identità di Hella, le divisioni ed i dipendenti continueranno a svolgere un ruolo importante nella nuova società combinata» ha dichiarato Faurecia. Lippstadt sarà la sede globale di tre delle sei aree di business: elettronica, illuminazione e lifecyle value management. «Questa fusione è un'opportunità unica per creare un leader globale nella tecnologia automobilistica» ha commentato il CEO di Faurecia Patrick Koller.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli