Favoreggiamento immigrazione clandestina: sette arresti a Parma -2-

Bla

Roma, 15 gen. (askanews) - L'inchiesta ha portato alla luce il sistema messo in piedi dagli indagati per favorire la permanenza sul territorio dello Stato di persone prive dei requisiti previsti dalla legge, attraverso il pagamento di somme di denaro tra i 100 e i 300 euro. Esisteva un vero e proprio tariffario per ottenere documenti falsi: 600 euro per un contratto di lavoro fittizio, 25 euro per una busta paga attestante la falsa attività lavorativa. Agli extracomunitari venivano consegnati un contratto di lavoro a tempo indeterminato, un foglio ore precompilato e delle buste paga, completamente false, per dimostrare che avevano un lavoro. Tutta la documentazione veniva presentata dagli stranieri alle rispettive Questure di competenza, a corredo delle richieste dei permessi di soggiorno.

(Segue)