Fbi: "Scienziata cinese nascosta nel consolato di San Francisco"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Con la tensione alle stelle per la chiusura del consolato cinese a Houston, si apre un nuovo fronte della guerra diplomatica tra Pechino e Washington. Secondo quanto rivela la Cnn, l'Fbi ritiene che una scienziata cinese, accusata di avere frodato l'immigrazione non rivelando i suoi legami con l'esercito cinese nel momento in cui ha chiesto il visto d'ingresso, si nasconde nel consolato di San Francisco.

Tang Juan, una biologa, è stata accusata di frode lo scorso 26 giugno dai procuratori federali che indicano come prova alcune foto che la mostrano mentre indossa l'uniforme di cadetto dell'esercito popolare cinese. Interrogata dall'Fbi lo scorso 20 giugno, Tang ha negato di aver militato dell'esercito, spiegando che l'uniforme era obbligatoria nella sua università perché era una suola militare. Dopo l'interrogatorio, Tang si sarebbe rifugiata nella sede diplomatica cinese a San Francisco, dove l'Fbi ritiene che si trovi ancora.

La vicenda rientra in una più ampia inchiesta dei procuratori federali su un programma condotto dai militari cinesi, attraverso le loro università e centri di ricerche, "per mandare scienziati militari negli Usa sotto false coperture". "Ci sono prove che in almeno un caso uno scienziato ha copiato o rubato informazioni di istituzioni americani su diretto ordine dei superiori militari in Cina", affermano ancora i procuratori. Il mese scorso è stato arrestato all'aeroporto di Los Angeles Xi Wang mentre stava cercando di rientrare in Cina. Anche lui è stato accusato di aver frodato le autorità nel richiedere il visto. Il ministero degli Esteri cinese ha definito l'arresto di Wang, specializzato nella ricerca per le malattie cardiovascolari, "una sfacciata persecuzione politica".