Fdi, Fini: "Avevano ragione Meloni e La Russa, avevo torto io"

(Adnkronos) - "Io ispiratore della Meloni? No, Meloni non ha bisogno di essere ispirata. Ho detto alla stampa estera" che "la realtà italiana della destra è un po' diversa da come veniva loro raccontata. Dissi che avevo votato per Meloni e lo confermo". Così Gianfranco Fini, ospite di 'Mezz'ora in più' su Rai Tre.

"C'è stato chi ha indicato una rotta, una strada. Tocca ai più giovani percorrerla", dice Fini, parlando del suo rapporto con l'attuale premier.

Meloni e La Russa? "Avevano ragione loro e avevo torto io", afferma l'ex leader di An, ricordando la fondazione di Fratelli d'Italia. L'attuale premier e il presidente del Senato "non mi seguono quando vengo estromesso" dal Pdl, "danno vita alla casa della destra: io non ci credevo", rammenta Fini.

Il Pdl è stato "un errore imperdonabile, non lo perdono a me stesso", racconta l'ex leader di An. "Era nato il Pd, credevamo nel bipolarismo", spiega l'ex presidente della Camera.

Poi sul simbolo: "Il simbolo di Fdi non è il simbolo del Msi ma di Alleanza Nazionale. Perché non avete detto, quando è nata An, 'c'è ancora la fiamma?'", dice Fini.

Riguardo all'antifascismo osserva: "La sinistra italiana non può accendere l'interruttore dell'antifascismo solo quando, in modo strumentale, ravvisa un pericolo per la democrazia". "Le accuse mosse a Meloni sono risibili", insiste l'ex leader di An. Chiedono da sinistra di riconoscere l'antifascismo come valore? "Sì, lo abbiamo detto a Fiuggi e Giorgia Meloni non si è mai dissociata", prosegue.

E il titolo dell'intervista a La Russa sul 25 aprile "è forzato", osserva. Il presidente del Senato, rimarca il fondatore di An, "ha detto che non andrebbe ai cortei, ma non andrebbe perché si troverebbe quei giovanotti che, nel nome dell'antifascismo, lo hanno minacciato di morte".

Quanto all'esecutivo rileva: "Questo è un governo di destra-centro, questo mette in agitazione gli alleati. Meloni dovrà essere paziente e abile nel tentativo di tenere tutti insieme, nell'ambito di un programma unico e delle risorse disponibili, agendo sulla base di valori condivisi. Do per scontato che ci saranno fibrillazioni". "Il fatto che Fdi abbia raccolto più voti di quelli messi insieme da Fi e Lega mette in agitazione gli alleati che hanno il diritto di rimarcare la loro identità" è l'analisi di Gianfranco Fini.

Il presidente Meloni o la presidente? "Mi viene più spontaneo dire la presidente, ma capisco chi dice il presidente", risponde l'ex leader di An.

Riguardo alla situazione Covid, "è meglio che rimangano le mascherine obbligatorie per i medici in ospedale", afferma.

Sui diritti civili: "Sono una materia importante ed estremamente delicata" e "su queste questioni il governo farebbe molto meglio a dire che è il Parlamento che deve occuparsene".

Poi sottolinea: "Ringrazio tutti gli amici, ma non ho nessuna intenzione di tornare in politica. Si può lavorare tranquillamente anche senza avere incarichi".