Fdi, Meloni: "Nostalgici del fascismo non ci servono, sono utili idioti della sinistra"

·1 minuto per la lettura

"Nel dna di Fratelli d'Italia non ci sono nostalgie fasciste, razziste, antisemite. Non c'è posto per nulla di tutto questo. Nel nostro dna c'è il rifiuto per ogni regime, passato, presente e futuro. E non c'è niente nella mia vita, come nella storia della destra che rappresento, di cui mi debba vergognare o per cui debba chiedere scusa. Tantomeno a chi i conti con il proprio passato, a differenza di noi, non li ha mai fatti e non ha la dignità per darmi lezioni". Sono le parole di Giorgia Meloni, leader di Fdi, in un'intervista rilasciata al 'Corriere della Sera'.

"Il 'pericolo nero', guarda caso, arriva sempre in prossimità di una campagna elettorale...", dice la presidente di Fdi riferendosi all'inchiesta di Fanpage rilanciata dalla trasmissione di La7 'Piazzapulita'. Poi aggiunge: "Quella più arrabbiata sono io. Io che ho sempre detto 'nessuno si azzardi a giocare su certe cose', che ho allontanato soggetti ambigui, chiesto ai miei dirigenti la massima severità su ogni rappresentazione folkloristica e imbecille, anche con circolari ad hoc. Perché i nostalgici del fascismo non ci servono: sono solo utili idioti della sinistra, che li usa per mobilitare il proprio elettorato. Si è chiesta perché mentre noi marginalizziamo questa gente, la sinistra la valorizza, dandole un peso che non ha mai avuto?". "Voglio interrompere la spirale", insiste Meloni, "anche prevedendo nel partito un organo permanente che prenda provvedimenti immediati contro chi gioca, volontariamente o per ignoranza, contro di noi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli