Febbo: bandiere blu abruzzesi in vetrina su autostrade italiane

Xab

Pescara, 1 ago. (askanews) - E' stata presentata oggi nella sede di Pescara della Regione Abruzzo, alla presenza dei sindaci dei Comuni interessati, seconda campagna di comunicazione per la promozione delle dieci "Bandiere Blu 2019" abruzzesi (Tortoreto, Giulianova, Roseto degli Abruzzi, Pineto; Silvi, Fossacesia, Vasto, San Salvo e per i laghi Villalago e Scanno). L'obiettivo è valorizzare le località di mare e i laghi, che hanno ottenuto il prestigioso riconoscimento. Saranno utilizzati 44 pannelli del circuito Publi Route, posizionati ed esposti per 60 giorni, dal 1 agosto al 30 settembre, all'ingresso delle aree ristoro di 26 aree di servizio tra Bologna e Vasto sulla A14 e tra Roma e l'Abruzzo. Il numero dei contatti stimati nei 60 giorni (agosto e settembre) sarà di circa 5 milioni. "Queste 10 Bandiere blu sono un punto di partenza per far crescere il nostro turismo, promuovere le nostre innumerevoli bellezze ed eccellenze, ma dobbiamo lavorare ancora per aumentare il numero dei vessilli in Abruzzo - ha spiegato l'assessore al Turismo Mauro Febbo -. La Regione farà la sua parte per rendere il nostro mare sempre più pulito, balneabile e attrattivo. Abbiamo programmato risorse consistenti per l'attivazione e il potenziamento dei depuratori, altre risorse saranno impegnate per consentire alla nostra regione di attuare una vera e concreta strategia di promozione turistica nei mercati internazionali. L'attribuzione del riconoscimento non è solo per la qualità dell'acqua, ma - osserva l'assessore Febbo - anche per i servizi che sono offerti e all'incoming. Tra le nostre priorità abbiamo inserito anche la 'formazione', che - sottolinea Febbo - per troppo tempo, è stata dimenticata e tralasciata. A breve lanceremo una campagna pubblicitaria e promozionale del nostro Abruzzo: noi siamo in grado di offrire un turismo lento e un turismo sportivo straordinari, montagna, mare, natura, laghi, ville antiche, fortezze, castelli, monasteri, eremi, borghi storici, trabocchi straordinari, e non per ultimo abbiamo una enogastronomia eccellente. Ringrazio i sindaci che, mettendosi in rete, promuovono le loro località, e quindi l'Abruzzo; insieme con gli attori e gli operatori del sistema turistico abruzzese oggi è indispensabile costruire un unico brand-Abruzzo riconoscibile, credibile e accattivante. Questo - conclude Febbo - è un obiettivo sul quale, questo governo regionale e questo assessorato, ha già iniziato un percorso".