Fedeli (Pd): ddl per prevenire e sanzionare linguaggi odio sul web

Pol/Bac

Roma, 6 ago. (askanews) - "'Le parole sono pietre, le parole possono trasformarsi in pallottole, bisogna pesare ogni parola che si dice e far cessare questo vento d'odio'. Un appello, questo del compianto maestro Andrea Camilleri, a far cessare il vento d'odio di fronte al quale, da legislatori, non possiamo restare indifferenti. In una società sempre più digitalizzata, in cui si comunica e le opinioni si formano prevalentemente sul web, si pone infatti il tema di come garantire il rispetto di diversi diritti costituzionalmente riconosciuti: da una parte quello alla libertà d'espressione, dall'altra quello al rispetto della dignità e alla non discriminazione delle persone attraverso il contrasto anche a tutte le forme di incitamento all'odio, alla discriminazione e alla violenza. Il DDL che abbiamo depositato a mia prima firma ha per obbiettivo quello di introdurre, con riferimento all'insieme delle normative e delle convenzioni internazionali ed europee e delle leggi del nostro Paese, la puntuale verifica dell'attuazione dei codici di condotta già previsti contro le forme illegali di incitamento all'odio attraverso la Rete e, nei casi di inadempienza, le conseguenti sanzioni". Lo dichiara la senatrice Pd, capogruppo in commissione diritti umani, Valeria Fedeli.

(Segue)