Fedeli (Pd): ddl per prevenire e sanzionare linguaggi odio sul web -2-

Pol/Bac

Roma, 6 ago. (askanews) - "Si tratta di un'iniziativa assunta nel solco del Piano internazionale contro i discorsi d'odio lanciato dal Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres e della proposta di legge per una Commissione parlamentare di indirizzo e controllo sui fenomeni di intolleranza, razzismo e istigazione all'odio e alla violenza presentata durante la scorsa legislatura da Milena Santerini e riproposta da Liliana Segre anche nella legislatura corrente. Intervenendo da una parte sui gestori informatici con specifici obblighi di segnalazione e rimozione dei contenuti illeciti e relative sanzioni pecuniarie nei casi di mancato ottemperamento, dall'altra prevedendo la reclusione da due a cinque anni e multe fino a 8mila euro per chi diffonde, per via telematica, contenuti finalizzati a istigare odio, discriminazione e violenza, con questo disegno di legge si vuole con forza contrastare la specificità dell'incitamento all'odio via web attraverso linguaggi d'odio sessista, razzista, xenofobo, omofobo e in genere discriminatorio. Troppo spesso la cronaca ci ha riportato le conseguenze drammatiche di campagne mirate a veicolare, attraverso la Rete, ostilità e pregiudizi identificando l'altro come un diverso da allontanare, delegittimare, abbattere. Con un aumento conseguente del senso di insicurezza e vulnerabilità di chi naviga sul Web".

"Questa proposta di legge - conclude Fedeli - rappresenta un'occasione concreta in questo senso, per prevenire e contrastare con forza i linguaggi d'odio dispregiativi e violenti attraverso l'introduzione di norme che, fatta salva la libertà d'espressione di ciascuna e ciascuno, sono mirate alla salvaguardia della nostra convivenza civile e democratica e a garantire il rispetto e la tutela dei diritti fondamentali delle persone riconosciuti dalla Costituzione".