Federanziani: invecchiamento attivo è sfida del nostro tempo

·4 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 21 apr. (askanews) - Volontariato, partecipazione sociale, cura della famiglia, cultura, viaggi: i senior di oggi sono sempre più attivi. Frequentano i social network, comunicano con i nipoti in video conferenza, con gli amici, si conoscono, s'innamorano e si sposano anche in terza età. La spesa degli over 65 in Italia è stimata in 200 miliardi, e ogni anno i senior trasferiscono 38,2 miliardi alle famiglie di figli e nipoti per aiutarle. Ma quando si parla di invecchiamento attivo lo scenario - va detto - è pur sempre di luci e ombre. C'è ancora molto da fare sul piano politico: occorre ancora promuovere una linea di sviluppo strutturale e nazionale. E' questo il quadro che emerge in occasione di quella che alcune Regioni del nostro paese hanno già eletto come la Giornata dell'Invecchiamento Attivo, ovvero domani 22 aprile, ricorrenza della nascita di Rita Levi Montalcini.

Da destinatari a soggetti attivi del volontariato: è questa una piccola rivoluzione avvenuta negli anni. Gli anziani di oggi, rispetto al passato, sono sempre più propensi a dedicare con passione il proprio tempo per aiutare gli altri: oggi uno su 10 (il 9,8%) svolge attività di volontariato, con un trend in aumento. Più uomini (11,4 %) che donne (8,5 %), con numeri più alti nel Nord rispetto al Sud. Un dato in crescita secondo l'Istat, e significativo in un'età che vede anche una maggiore diffusione delle malattie croniche e della fragilità. La maggioranza di loro svolge un'attività che rientra nei tecnici dei servizi sociali (38,1%): il 23% come assistenti sociali, mediatori culturali, educatori e il 15,1 % come volontari tecnici delle attività religiose e di culto (catechisti, assistenti liturgici, animatori). Ma non solo, spesso l'impegno nel volontariato avviene come contabili e organizzatori (14,0 %), istruttori di discipline sportive (9,3 %), o come operatori sanitari specializzati (4,3 %). Un impegno che testimonia la volontà di contribuire alla vita sociale mettendo a frutto le proprie competenze, a cui si affianca l'impegno nella casa, nell'accudimento, spesso, di un coniuge e, ancora più spesso, dei nipoti. Il che non significa, necessariamente, rinunciare anche alla propria quota di tempo libero: sempre secondo l'ISTAT, l'11,7% degli anziani praticano attività fisica, a volte con una costanza e una dedizione che fa invidia ai loro nipoti.

Non solo balli e corsi di ginnastica. Oggi i centri anziani sono sempre più la testimonianza di una voglia di aggregazione, da una parte, di impegno sociale, ma anche di formazione continua: corsi che vanno dall'educazione digitale ai temi della salute, delle malattie croniche, dei sani stili di vita. Una rete solida, che non si arrende neanche di fronte alle avversità: è l'esempio di quanto è avvenuto con la pandemia che ha visto, da un lato, gli anziani come soggetti più vulnerabili, e dall'altro anche come i più resilienti, con i centri anziani che hanno saputo subito riorganizzarsi mettendosi in rete attraverso le tecnologie digitali, riprogrammando le proprie attività, i corsi, attraverso le piattaforme di video conferenza, esattamente come i nonni hanno imparato ad usare questi canali nelle fasi di isolamento per restare in contatto con figli e nipoti. "Quella dell'invecchiamento attivo è una sfida che risponde oggi non solo a un'esigenza della collettività, sul piano socio economico e culturale, ma anche a un bisogno specifico degli individui che chiedono di poter essere sempre più attivi in terza età e per questo di aggiungere qualità della vita agli anni", dichiara la Presidente Senior Italia FederAnziani Eleonora Selvi, "C'è ancora molto da fare su questo fronte. È necessario, anzitutto, attivare politiche per l'invecchiamento attivo a livello nazionale e in tutte le regioni, che prevedano strumenti di programmazione, coordinamento e monitoraggio di tali politiche, con il coinvolgimento di tutte le istituzioni e delle organizzazioni pertinenti. Bisogna valorizzare i luoghi di aggregazione, promuovere una progettazione urbanistica inclusiva che favorisca l'invecchiamento attivo. Occorre incentivare il volontariato, il lavoro dei senior con la possibilità di prevedere delle formule di reinserimento lavorativo che consentano la trasmissione di expertise verso le giovani generazioni, e, parallelamente, promuovere il contrasto dell'esclusione sociale e della povertà come parte integrante di queste politiche. E' la sfida del nostro tempo, e l'unica risposta possibile è quella di inserire il concetto di invecchiamento attivo in tutte le politiche pubbliche come un obiettivo strategico al fine di armonizzare la società e l'economia con i mutamenti demografici e garantire una società per tutte le età".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli