Federica Pellegrini argento nei 200 stile libero agli Europei in vasca corta di Glasgow

HuffPost
pellegrini

Medaglia d’argento per l’azzurra Federica Pellegrini nei 200 stile libero agli Europei in vasca corta di Glasgow con il tempo di 1′52″88. L’oro è andato un pò a sorpresa all’inglese Freya Anderson con il tempo di 1′52″77. Il bronzo è andato all’olandese Framke Heemskerk in 1′53″35. Chiude all’ottavo posto l’altra azzurra Margherita Panziera. Con questo argento l’Italia scatta al primo posto del medagliere.

“Sono contenta per la medaglia, il tempo va benissimo per adesso. Sicuramente non posso neanche pretendere di venire qui e nuotare 1′51″ perché non mi sono allenata molto in questa prima parte di stagione. Oro Anderson? Non l’avevo proprio vista, una volta superata Femke (Heemskerk) onestamente non riuscivo a vedere. Va benissimo così, un decimo non mi cambia la vita”. Federica Pellegrini commenta così il secondo posto ottenuto nei 200 stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta. “E’ un peccato, se l’avessi avuta più vicina l’avrei vista un po’ meglio, di sicuro a lei ha fatto comodo essere lì - ha proseguito ai microfoni di Rai Sport - Oggi non sono stata neanche bene, ho vomitato prima della gara. Però non è una scusa va bene così. Adesso bisogna mettersi sotto testa bassa e lavorare, ed è sicuramente quello che faremo a gennaio”, ha concluso la ‘Divina’.

Doppietta di due azzurre nella finale dei 100 rana agli Europei in vasca corta di Glasgow, in Scozia: la 26enne genovese Martina Carraro si è imposta in 1′04″51 davanti alla 22enne lombarda Arianna Castiglioni, argento con 1′05″01. La medaglia di bronzo è andata alla finlandese Jenna Laukkanen. Per l’Italia è arrivata così la medaglia numero 200 agli europei di nuoto e il podio azzurro rivaluta anche la prova di Benedetta Pilato, esclusa dalle semifinali dopo l’oro nei 50 rana proprio dalla concorrenza ‘italiana’ di Martina Carraro e Arianna Castiglioni.

Fabio Scozzoli ha conquistato la medaglia di bronzo nei 100 rana...

Continua a leggere su HuffPost