Fedez aggredito dai teppisti e picchiato: il video spopola in rete

·1 minuto per la lettura
(Foto Instagram)
(Foto Instagram)

Stanno facendo il giro del mondo su internet le immagini di Fedez aggredito dai teppisti, picchiato, buttato a terra e poi addirittura pugnalato da un prete e mitragliato. Ma non si tratta della realtà: sono le immagini promozionali che il rapper ha diffuso per pubblicizzare il suo nuovo album, "Disumano", in uscita il 26 novembre.

LEGGI ANCHE: The Ferragnez - La serie, poster ufficiale firmato da David LaChapelle

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Si avvicina l’uscita del nuovo album di Fedez, il giudizio di Leone è spietato

Quelle che Fedez ha voluto condividere con i suoi fan sono le immagini volutamente forti e "disturbanti" del singolo "Morire morire", dove il rapper, accompagnato da due bodyguard, viene prima assalito dai fan per la strada e poi massacrato a bastonate da un gruppo di teppisti. Lasciato a terra agonizzante, Fedez viene umiliato da un personaggio con addosso la fascia tricolore, che gli fa la pipì addosso. Quindi arrivano i soccorritori con indosso maschere antigas. Ma, invece di salvarlo, lo immobilizzano sulla barella con una camicia di forza. A questo punto interviene un prete che lo accoltella e infine un plotone di esecuzione che lo finisce a colpi di mitra.

LEGGI ANCHE: Fedez: il nuovo album è "Disumano"

Fedez non aveva ancora finito di pubblicare i video, che già le immagini spopolavano ovunque sul web. Nella cover del disco, c'è un'opera dell'artista bresciano Francesco Vezzoli, Il Narcisista Pessimista: due busti in marmo, uno bianco e l'altro nero, con le sembianze di Fedez. Una delle statue si sporge per baciare l'altra, che si ritrae con disgusto. L'opera sarà messa all'asta per beneficenza.

LEGGI ANCHE: Fedez: uno strano pigiamino per la piccola Vittoria

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Fedez dolce papà, scrive una fiaba con Leone

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli