Fedez: "Comizi affollati sono schiaffo al mondo dello spettacolo". Conte: "Hai ragione"

·2 minuto per la lettura

Botta e risposta tra Fedez e Giuseppe Conte sulle piazze piene per i comizi. Uno “schiaffo in faccia per intere famiglie che per voi evidentemente sono inesistenti”: così si è espresso il cantante sulle immagini del tour elettorale che ritraggono il presidente M5s ed ex premier in una piazza gremita a Cosenza. Con una serie di stories su Instagram, il rapper ha guidato la rivolta di altri artisti, molti dei quali stanno rinunciando alle esibizioni live in attesa che il governo aumenti i limiti di capienza per gli show.

“La vostra propaganda - ha aggiunto Fedez - non può venire prima delle persone. Quando parliamo di concerti e di spettacoli non stiamo parlando di stronzate di poco conto ma parliamo di più di 200mila lavoratori falcidiati da due anni di immobilità quasi totale e politiche assente. C’è un intero settore in ginocchio da due anni, dimenticato da tutti”. Per il rapper, “il Green Pass è lo strumento per tornare alla normalità, ma non per loro. Con la certificazione perché non riaprire alla capacità massima dei concerti?”. E ancora: “E se da una parte il ministero dei Beni Culturali e il Governo non fanno nulla, dall’altra veniamo deliziati da queste immagini festose che rappresentano un vero e proprio schiaffo in faccia per intere famiglie che per voi evidentemente sono inesistenti”.

Giuseppe Conte ha risposto via Instagram: “Buongiorno Fedez, mi rivolgo a te e agli artisti che, come te, in queste ore state lamentando le restrizioni per la cultura e lo spettacolo, mentre invece gli incontri della politica avvengono con piazze gremite di gente. Non va bene e infatti sono quattro o cinque giorni che lo sto dicendo in tanti punti stampa. Dobbiamo ripartire tutti insieme e la filiera della cultura, dello spettacolo ma anche degli eventi sportivi che ha tanto sofferto, deve poter ripartire”. Per Conte, “non va bene portare la capienza all′80%, dobbiamo portarla al 100%. Dobbiamo ripartire forti, dobbiamo ripartire tutti insieme”.

Critico anche Ermal Meta, che sotto il video del leader M5s ha commentato: “Quindi da domani le capienze degli spettacoli tornano alla normalità?″. E Salmo: ”È iniziato il Flop tour, abbiamo riempito le piazze. Grazie a tutti, ora andatevene a fanculo’. ″Perché lui sì e noi no? Vogliamo spiegazioni!! E intanto il nostro settore sta ancora aspettando″⁣, il commento su Instagram di Mahmood.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli