Fedez e 1 maggio, sulla stampa estera la 'bufera politica scatenata dal rapper'

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

''L'emittente televisiva di Stato in Italia è sotto accusa per aver censurato un rapper'', titola il Guardian. ''Il rapper italiano Fedez accusa la tv di Stato di aver cercato di censurarlo'', titola la Bbc. Così la stampa britannica affronta le accuse mosse dal cantante nei confronti della Rai a proposito del suo intervento al concertone del Primo Maggio. Ma la vicenda travalica i confini europei per approdare, tra l'altro, in Asia. In Pakistan, ad esempio, The News dedica un articolo alla vicenda titolando 'Il rapper italiano Fedez accusa l'emittente di Stato di censura'. In Australia, invece, il quotidiano online 'Brisbane' parla di ''Disputa pubblica, il rapper italiano accusa l'emittente di censura''.

La prima a parlarne in Europa è stata la Bbc, affermando che ''il rapper italiano Fedez ha scatenato una lite politica dopo aver accusato l'emittente nazionale di aver tentato di censurare la sua condanna dell'omofobia durante un concerto televisivo'', quello del primo maggio appunto. Viene citata la diffusione della conversazione telefonica tra Fedez e i vertici di Rai Tre, la replica della Rai rispetto al fatto che siano stati diffusi solo alcuni stralci della telefonata e che non ci sia stata alcuna censura. Quindi viene ricordato il disegno di legge contro le discriminazioni di genere approvato alla Camera, ma bloccato al Senato, con le accuse rivolte direttamente alla Lega.

Il Guardian scrive invece che ''l'emittente di stato italiana, la Rai, è sotto pressione per chiarire le accuse di aver tentato di censurare la condanna dell'omofobia da parte di un rapper''. E afferma che ''il caso ha causato una tempesta politica in Italia, dove negli ultimi 25 anni sono stati soffocati o sabotati i diversi tentativi di sancire a livello di legge i diritti Lgbtq''.

Il quotidiano prosegue affermando che ''sebbene l'Italia abbia approvato le unioni civili omosessuali nel 2016, il Paese è rimasto indietro rispetto ai suoi partner dell'Ue nella messa a punto di misure anti-omofobia''. Viene quindi ricordato l'attacco subito a febbraio da una coppia gay a Roma.

Il pakistano 'The News' riporta per lo più la cronaca, affermando che ''il rapper italiano Fedez ha accusato l'emittente statale Rai di aver tentato di censurarlo durante un concerto del Primo Maggio sponsorizzato dal sindacato e durante il quale ha accusato di omofobia il partito della Lega di destra''. Aggiunge quindi che ''la Rai ha negato di aver cercato di censurare Fedez e in un comunicato ha detto che il concerto era organizzato da una azienda esterna''.

Di ''tempesta politica scatenata da Fedez'' parla anche l'australiano 'Brisbane Times'. ''La Rai, che gioca un ruolo centrale nella vita culturale italiana ed è soggetta a enormi pressioni politiche, ha negato di aver tentato di censurare Fedez'', prosegue. Nell'articolo si riportano anche i commenti di Matteo Salvini e del Pd.