Fedez, la confessione: "Ho chiamato il Ministro degli Esteri"

Fedez
Fedez

Durante una puntata del suo podcast, Muschio Selvaggio, Fedez ha confessato di aver telefonato al ministro degli Esteri Luigi Di Maio durante il lockdown del 2020 e ha svelato perché.

Fedez e il Ministro degli Esteri

Per la prima volta il rappe Fedez ha svelato i motivi per cui avrebbe telefonato al ministro degli Esteri Luigi Di Maio durante la pandemia da Coronavirus. Il rapper e sua moglie, Chiara Ferragni, sarebbero stati contattati dal fratello di Elon Musk, Kimbal Musk, che avrebbe fornito loro dei questionari per comprendere – per volere dell’amministratore delegato di Tesla – se l’Italia fosse tra i paesi meritevoli di ricevere come donazione dei respiratori e altre strumentazioni per gli ospedali. A seguito del contatto avuto con Kimbal Musk, Fedez avrebbe cercato di mettersi in contatto con Luigi Di Maio per metterlo a parte della vicenda.

“E loro volevano donare, cioè Elon Musk voleva donare dei respiratori durante la pandemia, delle macchine, dei macchinari, e aveva mandato in esplorazione il fratello con sua moglie per vedere quale paese era più meritevole o aveva più bisogno. E invece che contattare il Ministro degli Esteri italiano hanno contattato noi”, ha affermato Fedez, e ancora: “Mi hanno mandato dei questionari da far compilare agli ospedali. Io ci ho provato, ma ad un certo punto ho chiamato il Ministro degli Esteri e gli ho detto, zio, fai il tuo lavoro. Ovviamente i respiratori non ce li hanno mai dati, non sono mai arrivati.”

Durante il lockdown del 2020 pe l’emergenza Coronavirus Fedez e sua moglie hanno fatto enormi donazioni e in seguito ai due è stato consegnato l’Ambrogino d’Oro proprio per quanto da loro svolto nel pieno della pandemia.