Fedez: la replica dei leghisti citati dal rapper al Concertone del 1° maggio

·1 minuto per la lettura
Fedez
Fedez

Il discorso di Fedez al Concertone del primo maggio 2021 ha visto protagonisti anche alcuni politici leghisti. Così nelle scorse ore a Piazza pulita di Luca Bertazzoni sono intervenuti alcuni dei nomi fatti dal rapper, che non hanno ritrattato ma hanno invece rincarato la dose.

Il consigliere regionale della Lombardia, Massimiliano Bastoni, in merito alla sua dichiarazione poco prima dell’approvazione delle Unioni Civili ha dunque precisato: “Non mi sono pentito di quello che ho detto. Sono liberi di fare quello che vogliono e io libero di dire quello che penso. Il DDL Zan non è fondamentale. Secondo me gli italiani pensano al lavoro o alle attività chiuse, non al DDL”.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.
Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Anche Alberto Zelger, consigliere comunale a Verona, è intervenuto nella trasmissione, sottolineando: “Se le unioni civili fossero diffuse, la società si estinguerebbe. Non nascerebbero più bambini. […] Fedez è stato scorretto, perché si è approfittato della Rai per fare propaganda politica a favore di un DDL”.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.
Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli