Fedez shock: "La malattia rende migliori? Io sono diventato una persona peggiore"

ASSAGO, ITALY - NOVEMBER 10: Fedez attends the third live of X Factor 16 2022 at Repower Theatre on November 10, 2022 in Assago, Italy. (Photo by Stefania D'Alessandro/Getty Images)
Fedez shock: "La malattia rende migliori? Io sono diventato una persona peggiore" (Photo by Stefania D'Alessandro/Getty Images)

Hanno spiazzato i fan le parole di Fedez, che è tornato a parlare del raro cancro neuroendocrino del pancreas per il quale è stato operato lo scorso marzo.

VIDEO - Dietro le quinte di X Factor: Fedez e Rkomi sono ancora amici? Il giudice rifiuta l'invito del collega

Si è lasciato andare a una confidenza inaspettata il celebre rapper milanese, il quale in una puntata del suo podcast, "Muschio Selvaggio", ha parlato del tumore che lo ha colpito.

LEGGI ANCHE: Fedez annuncia il no a Sanremo 2023: "Troppa ansia"

Chiacchierando con il filosofo Umberto Galimberti, ospite della puntata, Fedez ha riflettuto sul futuro. "Molto spesso c'è il danno delle mete prestabilite, ovvero: se ti accade qualcosa devi arrivare a un determinato punto. Non è così", ha dichiarato l'artista, che poi ha spiegato come la malattia abbia avuto su di lui un effetto diverso rispetto a quanto detto dai luoghi comuni.

LEGGI ANCHE: Chiara Ferragni porta i figli al museo e lo fa chiudere al pubblico: proteste

Infatti, ha aggiunto: "Facendo un esempio personale, quando mi sono ammalato di cancro, la narrazione che nella mia testa doveva esserci era: ho avuto il cancro e di conseguenza questa esperienza mi migliorerà come essere umano. Ma chi ca**o lo ha detto?".

Poi è arrivata la confidenza inaspettata: "Ti dicono che quando ti ammali scopri il vero senso della vita, ma col ca**o. La mia vita è peggiorata, sono diventato depresso e sono diventato un essere umano peggiore, dopo il cancro. Ed è questa la figata del mio cancro. Perché dovrei essere una persona migliore?".

GUARDA ANCHE - Serata pizza a casa Ferragnez, ma la fattorina è una persona speciale! Ecco di chi si tratta

Non si è fatta attendere la risposta del celebre filosofo. "Fa parte della cultura cristiana, perché per i cristiani il dolore ha un valore perché ti riscatta dal peccato ed è una para per l'eternità. E quindi il dolore viene messo in scena come una cosa positiva", ha detto Galimberti.