Fedez si prende gioco di Marco Carta: lo sketch

Fedez

Fedez contro Marco Carta: sembra il lancio pubblicitario di una rap battle ma non è niente di simile. Il marito di Chiara Ferragni ha deciso di prendere di mira un amico affermando che volesse emulare Marco Carta evitando di pagare una maglietta. Ecco come sono andate le cose e perché probabilmente Marco Carta preferirà non replicare.

Fedez contro Marco Carta (per scherzo)

Negli scorsi mesi si è detto davvero tutto e il contrario di tutto sul disdicevole episodio di cui Marco Carta è stato protagonista nel punto vendita della Rinascente di Milano in Piazza Duomo. Il cantante, come tutti sanno, è stato accusato del furto di 6 magliette firmate per un totale di 1200 Euro.

Tutte le prove e le testimonianze raccolte e presentate dalla sorveglianza privata dello store sono state giudicate insufficienti dalla corte che ha trattato il caso e, pertanto, Marco Carta alla fine è stato prosciolto da ogni accusa con suo grande sollievo.

Forse proprio a causa del fatto che la vicenda giudiziaria di Marco Carta alla fine si è conclusa bene a causa del fatto che tutte le colpe sono state addossate all’infermiera che era con lui, Fedez si è preso la libertà di scherzare sul caso.

“L’etichetta la togli?”

Tutto è nato nel momento in cui Fedez si è reso conto che il suo amico Luis Sal, impegnato in sala di registrazione, indossava una t-shirt nuova di zecca, con ancora l’etichetta attaccata dal momento che Luis aveva dimenticato di rimuoverla.

Inquadrando l’etichetta in uno scatto che è poi stato trasformato in storia di Instagram, Fedez ha commentato: “Luis Sal is the new Marco Carta. Che bello che sei oggi, l’etichetta quando la togli?”

Naturalmente Luis Sal non avrà reagito male al paragone, ma probabilmente Marco Carta non sarà felice del fatto che un collega abbia deciso di rivangare una pessima esperienza che Marco sta cercando di lasciarsi alle spalle nella speranza che finisca nel dimenticatoio il più velocemente possibile.

La reazione di Marco Carta

Ad oggi colui che avrebbe dovuto arrabbiarsi di più ha deciso di non commentare minimamente l’episodio, probabilmente proprio per evitare di alimentare polemiche e altre chiacchiere inutile in merito alla questione.

Carta, del resto, ha sempre evitato il più possibile di parlare dell’argomento, intervenendo sulla questione esclusivamente per dichiararsi innocente e puntare il dito contro Fabiana Muscas la donna che era con lui e che avrebbe sottratto la refurtiva dal punto vendita de La Rinascente a completa insaputa del cantante.

Le prove a carico di Carta sembravano al principio piuttosto schiaccianti ma, a quanto pare, l’avvocato incaricato della difesa del cantante ha fatto un ottimo lavoro. Il giudice che ha messo definitivamente la parola fine al caso ha dichiarato, durante l’udienza del 31 Ottobre, che l’ipotesi ricostruttiva alternativa presentata dalla difesa è sostenuta da elementi concreti che la confermerebbero. Sulla base di questa convinzione del giudice il cantante è stato assolto perché il fatto non sussiste.