"Fellini degli Spiriti", un ritratto intimo e inedito del regista

Roma, 30 dic. (askanews) - Profondamente innamorato della vita, Federico Fellini ha attraversato la sua esistenza cercandone sempre il senso. Uscirà nel 2020 il documentario "Fellini degli Spiriti" di Anselma Dell'Olio, di cui sono state diffuse le prime immagini in anteprima, un film che per la prima volta indaga in profondità la sua passione per quello che lui definiva, in breve, il mistero, l esoterico, il "mondo non visto" in una ricerca incessante di altre possibilità, altre dimensioni, altri viaggi e di tutto quello che può far volare lo spirito e la mente.

Questi aspetti, presenti in tutta la sua cinematografia, sono stati suo oggetto d'indagine inizialmente con il grande psicoanalista junghiano Ernst Bernhard, che non solo gli ha svelato i segreti dell'inconscio, ma gli ha anche mostrato una nuova visione del mondo attraverso la lettura dei Tarocchi e la consultazione degli IChing. Ma sarà l'incontro con il professor Gustavo Rol, conosciuto per "Giulietta degli Spiriti", che, attraverso i suoi esperimenti, gli proverà che esistono davvero altre dimensioni e che non c'è un termine al viaggio degli esseri umani. A raccontare il mondo magico di Fellini tante voci, dalla cartomante che Fellini consultava sempre, a Terry Gilliam, da Giuditta Mascioscia, la sensitiva allieva di Gustavo Rol al regista Damien Chazelle, dai collaboratori e amici più stretti di Fellini ai registi premi Oscar come William Friedkin.

Attraverso materiali d'archivio italiani e internazionali, le immagini dei suoi film e interviste agli intellettuali che più hanno studiato il suo lavoro, "Fellini degli Spiriti" (prodotto da Mad Entertainment con Rai Cinema in coproduzione con Walking the Dog) è un ritratto inedito, intimo e spirituale del grande regista.