Femminicidio: Noi moderati, anche Camera dica sì a commissione inchiesta

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 24 nov. (Adnkronos) – "Auspichiamo che anche l’aula di Montecitorio esprima un sì unanime e convinto all’istituzione della commissione parlamentare d’inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza in genere. Anche le deputate e i deputati la applaudiranno”. Lo dicono, dopo l’approvazione a palazzo Madama della legge istitutiva della commissione d’inchiesta, le deputate di Noi moderati Ilaria Cavo e Martina Semenzato.

“La violenza sulle donne -aggiungono- è un problema culturale prima che giudiziario o economico. Per questo bisogna intervenire sulla formazione dei giovani, particolarmente importanti per Noi moderati, senza tralasciare gli strumenti legali di punizione e quelli economici per dare alle donne indipendenza e libertà. La prevenzione deve partire fin dalle scuole primarie. Va rafforzata la rete che interviene in caso di violenza, riconoscendo la centralità degli Enti locali. E sono strumenti da mantenere e incrementare l’allontanamento dall’ex partner violento e il braccialetto elettronico”.

“Va garantita –concludono Cavo e Semenzato– la partecipazione femminile e l’opportunità di leadership negli ambiti della vita pubblica, politica ed economica. Va nella giusta direzione la legge di Bilancio appena presentata dal Governo, con l’incentivazione delle assunzioni per le donne sotto i 36 anni”.