Femminicidio, Valente: non si può restare oltre a guardare

Tor

Roma, 12 ott. (askanews) - " Questa notte nel foggiano un agente penitenziario ha ucciso la moglie e le due figlie di 12 e 18 anni. Poi si è suicidato. Sono giorni assurdi quelli che stiamo vivendo: l'escalation di violenza, i casi di femminicidio che riempiono le pagine di cronaca nera sono ormai quotidiani. Qualche mese fa abbiamo deciso di istituire al Senato una commissione di inchiesta che mi onoro di presiedere. Sento che questo non basta. Siamo di fronte ad un fenomeno che per la sua gravità e per le sue dimensioni necessita di essere affrontato in modo prioritario dai vertici delle nosa A tre istituzioni. Per questo ritorno a fare un appello al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, perchè a partire dalla prossima legge di stabilità vengano investite maggiori risorse per il contrasto alla violenza digenere". Lo dichiara la presidente Pd della commissione di inchiesta del Senato sul fenomeno del femminicidio Valeria Valente.

"Tra qualche settimana - ricorda- ricorrerà la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Un tema che ha sempre incontrato la sensibilità anche del nostro Presidente Sergio Mattarella. Lo dicevo prima: serve un impegno corale perchè il fenomeno della violenza di genere sta assumendo sempre di più dimensioni insostenibili. E allora faccio appello anche alla sensibilità del nostro Presidente affinché chieda a tutti un impegno straordinario".

Di fronte a questa tragica escalation non possiamo restare a guardare.