Fenomenologia di Raffaella Carrà, l'evento gratuito a Milano

Raffaella Carrà (Canzonissima, 1970)

Una maratona dedicata a Raffaella Carrà, al caschetto biondo della tv, al personaggio femminile che più rappresenta la televisione italiana. In occasione dell’ultimo incontro di ‘Maratone TV 70’, all’interno della mostra ‘TV 70: Francesco Vezzoli guarda la Rai’ alla Fondazione Prada, saranno proposti integralmente due varietà storici con Raffaella Carrà: Milleluci (1974) diretto da Antonello Falqui e Ma che sera (1978) scritto da Gianni Boncompagni e Dino Verde e diretto da Gino Landi.

Raffaella Carrà con il regista Eros Macchi (Canzonissima, 1971)

Milleluci è un varietà in bianco e nero con ritmi e modalità di presentazione tradizionali, ma caratterizzato da una doppia conduzione al femminile, affidata a Raffaella Carrà e Mina, rivoluzionaria per l’epoca.

Raffaella Carrà con Mina (Milleluci, 1974)

Al contrario Ma che sera è uno spettacolo musicale a colori che rivela una carica dissacrante e liberatoria, in grado di trasformare Raffaella Carrà in un personaggio ironico e trasgressivo, considerato anche il clima socio-politico italiano degli anni di piombo.

Raffaella Carrà con Mina (Milleluci, 1971)

L’evento ‘Fenomenologia di Raffaella Carrà’ è gratuito e sarà venerdì 22 e sabato 23 settembre alla Fondazione Prada. La ‘Maratona Tv’ inizierà alle ore 18. I biglietti possono essere ritirati nel giorno della proiezione a partire da un’ora prima dell’inizio dell’evento e fino alle ore 22 alla biglietteria e fino all’ora di inizio dell’ultima proiezione presso il Cinema. I posti disponibili sono limitati.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità