Fermi e 12500 insulti, tifo razzista inglese dopo finale Euro2020

·1 minuto per la lettura
featured 1435160
featured 1435160

Milano, 16 lug. (askanews) – “Sono stato diversi giorni lontano dai social media per trascorrere del tempo con la mia famiglia e riflettere su ciò che è successo nelle ultime settimane”.

Inizia così una lettera postata su Twitter di Bukayo Saka, centrocampista della nazionale inglese che ha fallito il quinto e ultimo rigore, prima della vittoria dell’Italia agli europei.

Quello che consegna ai social è un messaggio d’amore e di gratitudine alla sua nazionale, nonostante il livello inaccettabile degli insulti dei tifosi, cominciati non con il fallimento ai rigori ma molto prima.

I giocatori dell’Inghilterra sono infatti stati bombardati da 12.500 messaggi di odio sui social media durante Euro 2020 rivela il DailyMail secondo un’indagine Crisp.

E ora frustrati dalla deludente sconfitta ai rigori, continuano a insultare Saka, Jadon Sancho e Marcus Rashford. Ma c’è pure più di un milione di persone che ha firmato una petizione online per chiedere che le persone colpevoli di abusi razzisti siano bandite dai campi di calcio.

Intanto la polizia inglese sta indagando su potenziali crimini d’odio legati agli abusi online e quattro persone sono già state fermate.

Servizio di Cristina Giuliano

Montaggio di askanews

Immagini a cura di askanews da Internet e Afp

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli