Fermo, nigeriano semina il panico in strada con un machete


Un nigeriano ha seminato il terrore tra automobilisti e studenti all’uscita da scuola a Fermo, nelle Marche. Intorno alle 13, infatti, il migrante si è messo in mezzo alla strada con un machete in mano, urlando e cercando di aggredire i passanti. Per gli studenti che uscivano da scuola sono stati attimi di panico.

SFOGLIA LA GALLERY - Parigi, le immagini della strage alla sede della polizia

Grazie all’intervento dei carabinieri, con la polizia e la guardia di finanza, l’uomo si è dato alla fuga evitando il peggio. Poco dopo, il nigeriano è stato catturato in un bar di Lido di Fermo. Il sindaco Paolo Calcinaro, ha spiegato al Resto del Carlino: "Si tratta di un irregolare, non inserito in programmi di accoglienza e già raggiunto da provvedimento di espulsione".

Lo stesso uomo, nei giorni scorsi, era diventato il terrore di chi frequentava il cimitero, chiedendo soldi, arrivando anche alle minacce e aggressioni. A segnalare la situazione sono stati gli stessi frequentatori del cimitero che si trovavano a fare i conti con questa persona. Questa la testimonianza di una donna: "L’altra mattina sono venuta a trovare mio marito e dietro un angolo mi sono imbattuta in questo uomo di colore con un coltello in mano. Mi ha chiesto dei soldi senza però minacciarmi. Ho avuto paura e gli ho dato una banconota da dieci euro che avevo nel portafogli. Lui ha preso i soldi, mi ha fatto un inchino e se n’è andato. Mi sono spaventata tantissimo e ora ho paura ad andare al camposanto".