Ferragamo coopta Costamagna in cda, propone taglio numero consiglieri

·1 minuto per la lettura
Logo di Salvatore Ferragamo in un negozio in centro a Roma

ROMA (Reuters) - Il cda di Ferragamo Finanziaria, controllante della Salvatore Ferragamo, nella riunione del 18 gennaio ha preso atto delle dimissioni di Giuseppe Anichini cooptando al suo posto Claudio Costamagna.

Lo dice una nota del gruppo del lusso precisando che il cda ha proposto all'unanimità di nominare Anichini, che lavora nel gruppo dagli anni 60, come presidente d'onore, convocando a questo scopo l'assemblea dei soci.

In vista poi della scadenza in aprile del cda di Salvatore Ferragamo Spa, il board della controllante ha proposto la riduzione del numero dei consiglieri della controllata attribuendo un maggiore spazio a quelli indipendenti.

Il cda della Ferragamo Finanziaria ha anche convenuto che il nuovo presidente della Salvatore Ferragamo non sarà esecutivo e ha dato incarico a una società di Executive Search di selezionare e proporre i componenti del nuovo board.

(Redazione Roma)