Ferrari Roma: il costo del più grande fallimento automotive del 2019

ferrari roma

Uscite nuove informazioni della Ferrari Roma, la supercar del cavallino più criticata di sempre. Non era mai successo che una nuova uscita inedita della casa automobilistica, nonché brand riconosciuto universalmente, abbia portato tanto malumore ai fan. Costerà circa 195 mila euro, personalizzazioni a parte, che porteranno la Ferrari Roma al prezzo di partenza di circa 200.000 euro in Europa. Finito un anno difficile in Formula 1 Ferrari porta a casa il più grande fallimento automotive del 2019. La rossa infatti è vista come punto di riferimento nel mondo automotive e con la Roma, modello dalle linee indubbiamente ispirate ad altre supercar Inglesi, ha fatto un buco nell’acqua.

Ferrari Roma: apprezzata solo dalla stampa

Solo la stampa, particolarmente quella Italiana, ha esaltato la nuova Ferrari Roma. Senza dubbio un fattore positivo che fa trasparire il senso patriottico della penisola, ma che non ha migliorato il gradiente di soddisfazione di appassionati e clienti. La supercar in effetti ha moltissime similitudini stilistiche prese da cugine Inglesi… Parliamo infatti di Aston Martin per il design degli esterni e di McLaren per la configurazione dell’abitacolo.

Oltre a queste considerazioni rimane il problema legato al prezzo e al segmento in cui la Ferrari Roma si offre sul mercato. Non è la supercar che ci si aspettava come ultima uscita ufficiale di Ferrari nel 2019. Il motore è lo stesso della Ferrari Portofino, il meno poderoso della gamma di Maranello e anche moltissime soluzioni tecniche sono riprese dalla spider di inizio 2017. Qualcuno addirittura dice che questo modello sia in realtà un bozzetto della attesa Maserati Alfieri, vettura che dovrebbe rivalutare il marchio del tridente dopo l’uscita di scena della GranTurismo con la fina edition Zeda.

Ferrari: Formula1 e serie

In attesa dell’arrivo del 2020 possiamo solamente sperare che la casa Italiana cambi radicalmente il suo metodo di agire sia in Formula1 sia nelle vetture di “serie”. Per competere nel campionato mondiale delle monoposto bisogna essere avanti rispetto alle concorrenti e soprattutto a Mercedes, casa che nel 2019 ha stracciato sia il campionato piloti che quello costruttori. Invece, considerando la produzione di serie, ci si aspetta almeno un’altra vettura ibrida come la SF90 Stradale e il nuovo suv (che dovrebbe chiamarsi Purosangue) entro la fine del 2020. Le elettriche sono ancora distanti, si parla infatti del 2025 per vedere una rossa senza rumore. Solo in questo modo Ferrari potrà ritrovare un’equilibrio e riportare a casa i fan persi con l’uscita della Ferrari Roma.