Ferrari: un secondo trimestre 2022 da record

(Adnkronos) - Ferrari cresce in tecnologia e fatturato. Grazie a una gamma in continuo aggiornamento e a supercar che generazione dopo generazione superano i già elevatissimi limiti raggiunti in precedenza, oggi il marchio del Cavallino Rampante è più solido che mai.

Con 3.455 unità consegnate nel secondo trimestre 2022, con un aumento del 28,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, Ferrari dichiara ricavi netti pari a 1.291 milioni di euro per un incremento rispetto sempre all’anno precedente, del 24,9%.

Le supercar con motore a combustione interna hanno rappresentato l’83% del totale della domanda, mentre il restante 17% riguarda i tre modelli con alimentazione ibrida plug-in. L’aumento delle consegne nel trimestre precedente è dovuto principalmente al successo della Portofino M e della famiglia F8.

Parto le consegne della 296 GTB, crescono anche i consensi verso la potente 812 Competizione.

Benedetto Vigna, Amministratore Delegato di Ferrari: “Ferrari prosegue una fase di forte crescita, con risultati trimestrali record in termini di ricavi, EBITDA e EBIT. La qualità dei primi sei mesi e la robustezza del nostro business ci permettono di rivedere al rialzo la guidance per il 2022 su tutte le metriche. Anche la presa ordini netta ha raggiunto un nuovo livello record nel trimestre- Lo scorso trimestre resterà memorabile anche per i momenti unici vissuti nel corso delle celebrazioni del nostro 75° anniversario e durante le Cavalcade, che hanno innalzato a nuovi livelli le esperienze offerte ai nostri clienti per condividere la passione e lo spirito della Ferrari mentre continuiamo a spingerci oltre i nostri limiti”.

La contrazione dei ricavi dei Motori (Euro 41 milioni), in calo dell’8,5%, riflette la diminuzione delle consegne a Maserati, con l’approssimarsi della scadenza del contratto nel 2023.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli