Festa di Roma, premi alla carriera a Tim Burton e Tarantino

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 21 giu. (askanews) - Ci saranno due grandissimi nomi del cinema alla prossima Festa di Roma: Tim Burton e Quentin Tarantino verranno a ritirare il premio alla carriera e ad incontrare il pubblico. Ad annunciarlo è stato questa mattina il direttore artistico Antonio Monda, che ha dato alcune anticipazioni su questa sedicesima edizione che si terrà dal 14 al 24 ottobre. E' prevista un'ampia retrospettiva sull'opera di Arthur Penn, sicuramente verrà presentato il film diretto da Emily Mortimer "The pursuit of love", mentre la scrittrice Zadie Smith sarà protagonista di uno degli "Incontri ravvicinati" che si fanno ogni anno con registi, autori, attori e personalità del mondo dell'arte e della cultura.

Anche Burton e Tarantino saranno protagonisti di due incontri ravvicinati, in cui parleranno soprattutto della loro passione per il cinema italiano. "È davvero speciale per me ricevere questo riconoscimento dalla Festa del Cinema di Roma. - ha dichiarato Burton in un messaggio letto da Monda - Federico Fellini, Mario Bava e Dario Argento sono stati importanti fonti di ispirazione nella mia vita. Ritirare questo premio a Roma, un luogo che amo, una città che ti fa sentire protagonista del tuo stesso film, è per me molto emozionante". Stessa emozione per Tarantino, che ha dichiarato: "C'è stato un momento della mia vita in cui guardavo qualsiasi film italiano e ho dedicato gli anni migliori della mia carriera a realizzare la mia versione di questi film. Per questi motivi ricevere il Premio alla Carriera alla Festa del Cinema di Roma è fantastico".

Il budget della Festa di quest'anno sarà di circa 4 milioni, la Presidente della Fondazione Cinema per Roma Laura Delli Colli ha sottolineato che l'evento, oltre che all'Auditorium, si terrà in vari luoghi della città, dal MAXXI alla Casa del Cinema al circuito, dalle librerie indipendenti a Rebibbia, e nelle sale cinematografiche "come segno forte di attenzione alle sale". All'Auditorium verrà ripristinato il villaggio, sicuramente ci sarà il red carpet con la possibilità di vederlo dalla Cavea, ma naturalmente ancora non si sa quanto pubblico potrà essere accolto nelle sale, nel villaggio, a ridosso del tappeto rosso. Gli organizzatori restano in attesa delle future decisioni relative alle norme anti-Covid ma si preparano a realizzare una Festa il più possibile in presenza.

La Festa di Roma lo scorso anno si svolse per l'80% in presenza e il 20% on line, e terminò proprio a ridosso delle chiusure dei luoghi dello spettacolo e della cultura per la pandemia, quest'anno si punta al 100% in presenza "perché la Festa per definizione vuole condivisione" ha affermato Monda, ma tutto dipenderà dalle restrizioni che saranno in vigore a ottobre. Monda ha poi sottolineato: "I nomi che abbiamo annunciato sono un segno di ripresa netto: aver tenuto la Festa in presenza lo scorso anno è stato un segno importantissimo, questo ci ha fatto guadagnare ancora in credibilità, ed è stata premiata la qualità". Per la selezione dei film Monda ha confermato che gli italiani saranno due o tre come nelle edizioni precedenti "mantenendo la linea sempre della qualità, che è il modo migliore per aiutare il cinema italiano", mentre per quelli internazionali la scelta sarà fatta, necessariamente, dopo i festival di Cannes e Venezia. Il programma completo verrà presentato il prossimo 6 ottobre.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli