Feste green: come organizzare un Natale sostenibile

·3 minuto per la lettura
organizzare natale sostenibile
organizzare natale sostenibile

Feste green: come organizzare un Natale sostenibile

Le nostre scelte quotidiane influiscono in modo importante sull’impatto ambientale da noi causato. Lo fa il tipo di mezzo di trasporto che utilizziamo, il combustibile usato per scaldare la nostra casa, ma anche la scelta di ciò che portiamo in tavola o gli addobbi che scegliamo per l’albero di Natale. Ci sono alcune strategie che ci permettono di ridurre in maniera sostanziale questo impatto sull’ambiente, correlato anche alla possibilità di riciclare ciò che non si può più utilizzare.

Portare in tavola alimenti sostenibili

Natale significa per molti una tavola imbandita, con i parenti e le persone care riunite in un momento di convivialità. Effettivamente le nostre scelte per quanto riguarda quali alimenti portare in tavola possono influire pesantemente sulla quantità di inquinamento prodotto, non in senso lato ma proprio da noi stessi e dalla nostra famiglia. A partire dal tipo di alimenti da prediligere. Il consiglio è quello di preferire la stagionalità e la regionalità: acquistare prodotti a km zero, ove possibile, o che comunque non arrivino dall’altra parte del mondo, oltre a preferire frutta e verdura che matura in inverno, o che si conserva a lungo come mele o patate. Costruire un menù sostenibile ci permette di evitare di produrre eccessivo inquinamento correlato all’approvvigionamento degli alimenti, alle confezioni, all’eventuale possibilità di riciclo delle stesse. Ad esempio, possiamo preparare un primo con una pasta realizzata con grano 100% italiano e con pack riciclabile, come La Molisana, e accompagnarlo ad un secondo piatto ricco e un contorno con verdura di stagione, facendo attenzione anche in tal caso alla riciclabilità degli imballaggi.

Se siete in cerca di idee sul tipo di pasta, potreste optare per un primo gustoso con le tagliatelle: le ricette de La Molisana vi possono aiutare per trovare ispirazione.

Gli addobbi per l’albero e per la casa

I nostri nonni addobbavano la casa e l’albero con oggetti conservati per decenni, che a volte erano passati di mano in mano nel corso delle generazioni. Impariamo da loro quando scegliamo ninnoli e addobbi per la casa o per l’albero di Natale, anche qui con un occhio di riguardo per i materiali naturali o riciclabili e per la provenienza di ciò che utilizziamo. Prediligendo i produttori locali limitiamo il consumo di combustibile, causato dal viaggio degli oggetti da luoghi lontani fino al grande negozio sotto casa. Oltre a questo ci sono materiali che possiamo considerare green, in quanto non causano eccessivo inquinamento per la loro produzione e per l’eventuale riciclo. Oggi è possibile trovare nei negozi ghirlande di foglie o di midollino, lo stesso dicasi per gli addobbi per la casa e per l’albero di Natale. Se proprio desideriamo le classiche palline, prediligiamo il vetro, sicuramente più green rispetto alla plastica.

L’importanza del packaging

Per quanto riguarda gli alimenti, ma non solo, una fetta dell’inquinamento prodotto da ciò che acquistiamo e utilizziamo è correlato alla sua confezione. La plastica in alcuni casi può essere riciclata, ma dobbiamo ricordare che la sua produzione porta a un forte impatto ambientale. Per questo La Molisana ha investito su un packaging sostenibile, disponibile per le sue confezioni di pasta da alcuni mesi. Grazie a questa scelta il brand ridurrà di circa 230.000 tonnellate ogni anno la produzione di plastica. La carta usata per le confezioni di La Molisana proviene da foreste gestite in maniera responsabile e certificate FSC, ed è riciclabile al 100%. Perché anche la scelta delle confezioni di ciò che acquistiamo è un passo importante per un Natale green.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli