1 / 10

Bong Joon-Ho

Palma d’Oro: Gisaengchung di Bong Joon-Ho

Festival di Cannes 2019: tutti i vincitori

(KIKA) – CANNES – È Gisaengchung, titolo internazionale Parasite, la Palma d’Oro della 72esima edizione del Festival di Cannes. Il film è diretto dal regista sudcoreano Bong Joon-Ho, che qualcuno ricorderà per la pellicola Netflix Okja e Snowpiercer.

GUARDA ANCHE: Cannes 2019, lo speciale

Questa la trama del film che ha trionfato a Cannes 2019: “Grazie alla falsificazione di alcuni documenti, il primogenito di una famiglia povera che vive di sussidio di disoccupazione riesce a trovare lavoro presso una ricca coppia, evento che darà vita a una serie di conseguenze drammatiche”.

Il Grand Prix invece è andato ad Atlantique della regista francese Mati Diop. Parimerito il riconoscimento del Premio della Giuria: Les Misérables del regista maliano Ladj Ly e Bacurau dei brasiliani Kleber Mendonça Filho e Juliano Dornelles. Per quanto riguarda gli attori: la migliore interpretazione femminile è quella di Emily Beecham in Little Joe di Jessica Hausner, Antonio Banderas invece è il migliore attore grazie al film di Pedro Almodovar Dolor y Gloria.

GUARDA ANCHE: Cannes 2019: il Festival delle nuvole di tulle

La migliore regia invece è quella di Jean-Pierre e Luc Dardenne per Le Jeune Ahmed.

LA LISTA COMPLETA DEI VINCITORI

Lungometraggi

Palma d’Oro: Gisaengchung di Bong Joon-Ho
Grand Prix: Atlantique di Mati Diop
Premio della giuria (ex-aequo): Les Misérables di Ladj Ly e Bacurau di Kleber Mendonça Filho e Juliano Dornelles
Miglior regia: Jean-Pierre e Luc Dardenne per Le Jeune Ahmed
Miglior attore: Antonio Banderas in Dolor Y Gloria
Miglior attrice: Emily Beecham in Little Joe
Miglior sceneggiatura: Portrait de la jeune fille en feu di Céline Sciamma
Menzione speciale: It Must Be Heaven di Elia Suleiman
Camera d’oro: Nuestras Madres di César Díaz
Palma d’oro per un cortometraggio: The Distance Between Us and the Sky di Vasilis Kekatos
Menzione speciale della giuria per un cortometraggio: Monstruo Dios di Augustina San Martín

Un Certain Regard

Premio Un Certain Regard: La vita invisibile di Euridice Gusmao, di Karim Ainouz
Premio speciale della Giuria: O que arde di Oliver Saxe
Miglior regia:Kantemir Balagov (Beanpole)
Miglior interpretazione:Chiara Mastroianni (Chambre 212)
Premio Speciale della Giuria: Liberté di Albert Serra
Coups de Coeur: La femme de mon frère di Monia Chokri ex-aequo The Climb di Micheal Angelo Covino
Menzione Speciale della Giuria: Jeanne di Bruno Dumont